Campane su YouTube: Ardenno 1, 2, 3, 4, 5, 6; Biolo 1, 2, 3, 4; Gaggio 1, 2; Pioda; Masino

 

Da “Prima ricognizione dei cognomi di Ardenno, c. 1750-1960”, di FRANCESCO PALAZZI TRIVELLI
(in “Bollettino della Società Storica Valtellinese”, del 2009, Sondrio, agosto 2010).

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

A

AGOSTINELLI
Un Vito Agostinelli viveva in Ardenno centro nel 1853. Un Pietro, data di nascita 1818, ai Calgheroli.

AGOZZINI
Un Giacomo fu Giovanni (m. 1754) vive ai Cavallari nel 1754 con la moglie Maria del fu Pietro Giambelli e due figli. La famiglia viveva ancora ai Cavallari nel 1853.

ALBERTI
Un Ulrico, data di nascita 7.V1.1884, Torino, coniugato nel 1928 con una Rosa Bettiga si porta ad Ardenno lasciandovi discendenza.

ALICE
Un Michele, data di nascita 1816, marito di Maddalena Bellasi (o Belasi) figura nello Status Animartun del 1853 ai Pesci.

ANDRIOLI
Il 18.IX.1791 uno Stefano Lanzini di Pendolasco sposa Maria Maddalena fu Bernardo Andrioli di Teglio, ma abitante in Ardenno.

ARCELASCHI
Una Maria Beretta vedova di Domenico Arcellaschi vive al Masino nel 1853; a metà Novecento un Egidio Angelo figura nato a Dazio il 12.XII.1875: la famiglia era infatti stanziata in contrada Pilasco, allora frazione di Dazio. Il cognome deriva, con ogni probabilità, dal paese di Arcellasco oggidì inglobato nel vasto comune di Erba.

ARMANNI
Una Caterina fu Giacomo Armanni di Val San Giacomo -quindi il cognome correttamente sarebbe Herman- abitante da più anni in contrada Bagnera il 5.X.1790 va sposa ad un Antonio Boromei di Caspano.

ARVIGO
Un Angelo, muratore, (1806-1860) sposo di Maria Mossini, abitava in Arsicio, contrada più alta del Gaggio: come vari altri colleghi proveniva dal Genovesato. Un Luigi Giuseppe Arvigo (m. 1.III.1969) sembra essere stato l'ultimo della famiglia di Ardenno.

de AUGUSTINIS
Tre famiglie alla Pioda nel 1754. Nel 1853 D'Agostini o De Agostini (D'Agostini anche a Biolo, una famiglia).

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

B

BALDINI
Andrea del fu Andrea Baldini viveva ai Cavallari nel 1754 e la famiglia viveva ancora nella contrada nel 1853. Originari probabilmente di Montagna.

BALESTRA
Un Gemiamo Balestra marito di Maria Boiani e oriundo del Genovesato, giunto in Ardenno con vari altri colleghi muratori, figura nello Status Animartun del 1853. Non sembra avere a che fare con l'omonima famiglia d'origine bergamasca dalla quale sortì il notaio Davide Maria attivo a Castione dal 1769 al 1823.

BALESTRERO
Nel 1853 viveva in Ardenno centro un Giacomo del fu Francesco Balestrero, data di nascita 16.VI.1854, Arquata Scrivia, marito di una Maria Boiani.

BALSARINI
Antonius Balsarinus viveva con la famiglia a Piazzalunga nel 1754 e una famiglia Balsarini vi viveva ancora nel 1853. In tale anno un Carlo Balzarini vive ai Calgheroli.

BARAGLIA
21.IV.1773 una domina Ludovica Baraglia di Fusine, ma di antica famiglia originaria di Mello ed ora abitante in Ardenno, andava sposa all'ungherese dominus Alessandro Federico Greiffenberg.

BARBETTA
Uno Stefano, data di nascita 14.II.1787, Teglio, marito dal 1826, di Domenica Scigolini s'era stanziato in contrada Calgheroli.

BARLASCINI
Un Bartolomeo Barlascini Morbeniensis vive ad Ardenno con la famiglia nel 1760, ma gli attuali rappresentanti di questo ceppo sono scesi da Campo Tartano nel secolo XX.

BAROLI
Famiglia della Pioda nel 1853, originari probabilmente di San Martino.

BASLA
Un Giacomo, data di nascita 7.IX.1816 viveva al Masino nel 1853: era figlio di una Domenica Della Maddalena del luogo, ma la famiglia Basla era di Biolo.

BELASI
Famiglia di Piazzalunga, anche Bellasi e Belasini (così nel 1631), nel 1754 un'unica famiglia con a capo un Romerio, nel 1853 la vedova di un Pietro, Giovanna Felini. Quello stesso anno un Giacomo (17.IV.1860) era stabilito in contrada Pesci dove abita ancor oggi l'ultimo rappresentante di tale stirpe in Ardenno. Anche un Francesco, sposo il 26.XI.1804 a Maria Boiani del Gaggio non lasciò discendenza in Ardenno.

BELLOTTI
Un Martino Bellotti Sanzogi seu Ogae Burnziensis il 4.III.1759 sposava Margherita fu Giuseppe Tachini dei Cavallari. I Bellotti abitavano in Ardenno centro ancora nel 1853.

BENEDETTI
Il 21.II.1756 Antonio Benedetti di Montagna ma abitante in Ardenno centro prendeva in moglie Margherita Tachini vedova di Giovanni Gusinè dei Cavallari.

BERNARDI
Famiglia immigrata nel XX secolo da San Pietro Viminario presso Monselice.

BERTINELLI
Famiglia di Scheneno (anche Bertanelli) nota almeno dal Seicento, nel 1754 due fuochi, l'uno soprannominato Rossi, l'altro Foracavalli. Nel 1853 quattro famiglie, tutte a Scheneno.

BERTOLI
Uno scalpellino Francesco Bertoli (1887-1945) viveva in Ardenno centro.

BERTOLINI
23.IX.1795 tal Pietro Ferretti di Caspano e abitante in Ardenno sposava Maria di Carlo Bertolini di Talamona, pure abitante ad Ardenno, ma già una famiglia Bertolini detta Cimetti era stanziata ai Cavallari; nel 1853 troviamo i Bertolini anche in Ardenno centro e a Piazzalunga, nonché una famiglia di un Gio. Antonio al Masino. Il ceppo proveniva comunque da Campo Tartano ma non è detto che tutti i Bertolini documentati in Ardenno fossero prossimi parenti.
Nel 1623 troviamo un Domenico fu Antonio de Betis dela Pioda e 1'8.I.1756 un Natale di Tommaso Beti dello stesso luogo sposava Maria Maddalena di Simone Simonetta di Scheneno.
Questo cognome può derivare dall'antichissima famiglia dei Bianchi di Velate, ma èanche quello dato agli esposti dell'Ospedale di Conio, come sembra il caso per alcuni Bianchi presenti in Ardenno. Nel 1853 in centro abita un Antonio Bianchi, data di nascita 1822, marito di Lucia Libera, a Piazzalunga le famiglie di Celeste e Pietro Bianchi, a Scheneno un Giovanni Bianchi, data di nascita 18.X.1826, marito di Domenica Romeri, e al Gaggio un Antonio Bianchi, data di nascita 6.VII.1819, marito di Maria Fiorina dal 1862.

BIANCHINI
Presenti nel dopoguerra, provenienti da Campo.

BIASINI
Un Giacomo Biasini, data di nascita 27.XII.1807, marito di Anna Basla viveva al Masino nel 1853. Famiglia forse originata dai Parravicini detti del Biasino.
Una Margherita fu Martino Bigiotti di Buglio, abitante a Piazzalunga il 7.III.1753 andava sposa ad un Antonio Gianatti ivi abitante, ma originario di Montagna. La di lei sorella Domenica era accasata al Gaggio.

BOCCARDI
Un muratore Salvatore Boccardi (1803-1859) proveniente dal Genovesato viveva in centro nel 1853 con un Angelo, forse suo nipote, marito di una Maria Barbara Spinas di Bivio (Grigiori). Oggi questa famiglia è stanziata a Sondrio e a Morbegno.

BOIANI
Nel 1543 vivevano gli eredi di Giacomo detto Boyanus del Corsalo de Gadio; nel 1754 i Boiani erano tutti in contrada San Giuseppe. Sette famiglie di cui una detta Pedrola, nonché una famiglia Boianini. Nel 1853 erano sei famiglie, sempre al Gaggio, oltre una in centro.

BOLLA
Nel 1631 tra i vicini di Piazzalunga, Quadra de Bogiariis. Nel 1754 un Lorenzo fu Domenico Bolla viveva con la moglie Maria Foini (Castelli) a Scheneno.

BONADEI
Viveva ai Cavallari nel 1853 un Antonio (1789-1856) nato ad Ardenno da Luigi oriundo di Castione e da Anna Maria Pighetti, con la moglie Giovanna Maria di Piazzalunga e prole.

BONAT
A metà secolo XX, oriundi di Fiera di Primiero.

BONDANZA
Stanziati al Gaggio con Giuseppe, data di nascita 21.I.1804, Savignone, accasatosi con Maria fu Giacomo Mossini che nel 1853 ne era vedova con prole.

BONGINI
Provenienti da Buglio compaiono nello Status Animarum degli anni '50 del Novecento.

BONOMI
A Scheneno nel 1754 la famiglia di un Gio. Battista coniugato con Maria Simonella dalla quale aveva quattro figli: una figlia, la domina Maria Costanza, andava sposa il 25.I.1769 al dominus Antonio Pradè di Biolo. Nel 1853 sono censiti i fratelli Giacomo, data di nascita 15.1.1804 e Pasquale, data di nascita 28.VIII. 1809, del fu Battista.

BORINELLI
Un Pietro Borinelli (m. 1865) viveva nel 1853 alla Merlina.

BORROMEI
Provenienti da Caspano: un Domenico fu Andrea il 15.V.1787 sposava Maria di Antonio Gusmè dei Calderoli ove vivevano ancora nel 1853, tranne un Giuseppe Antonio, data di nascita 8.V.1825, abitante in centro.

BOSCACCI
Un Andrea Boscacci di Castione "ora abitante ad Ardenno" il 4.VIII.1789 sposava Maria Renaia (Renaglia), vedova di Antonio Paganoni.

BRACCHI
Da Cepina nel secolo XX.

BRADANINI
L'1.I.1759 un Bernardo Bradanini di Pedenosso prendeva in moglie una figlia di Agostino D'Agostino della Pioda e un Domenico, marito di Domenica Gianoli, viveva nel 1853 a Piazzalunga.

BRANCHINI
Dalla sponda orobica, secolo XX.

BURRI
Famiglia proveniente da Buglio e, più anticamente, da Caspoggio che incontriamo in Ardenno con un Giovanni del fu Giacomo che il 21.VIII. l 770 sposava Domenica Teccialli di Polaggia abitante ai Cavallari e con Giuseppe fu Domenico che il 21.IV.1789 prendeva in moglie Domenica Vanossi, abitante ai Calgheroli. Nel 1853 i Burri sono censiti in Piazzalunga.

BUZZETTI
Il 19.IV.1791 Giacomo Raschetti del Faedo, abitante ad Ardenno, sposa una Anna Maria del fu Pietro Buzzetti di Dazio, ma anch'essa abitante ad Ardenno.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

C

CABASSI
Un Antonio Cabassi, data di nascita 1816, marito di una Maria Romeri, viveva nel 1853 a Scheneno; la famiglia Cabassi era antica in Tirano, contrada Roncaiola.

CADARIO
Presenti nello Status Animarum di metà Novecento.

CALGHEROLI
Stefano Calgheroli nativo di Montagna il 12.IV.1789 sposava Maddalena fu Gio. Antonio Mescia di Piazzalunga. Gli eredi vivevano nel 1853 in contrada Magiasca.

CAMERINI
Un Giovanni, data di nascita 15.VI.1823, fu Gio. Antonio al Masino nel 1853.

CAMINATI
Giuseppe Caminati, data di nascita 27.IX.1787, Orero (Genova), muratore, marito di una Pighetti e, in seconde nozze, di una Bianchi, viveva in centro nel 1853.

CAMPI
Anch'essi del Genovesato con Francesco, data di nascita 19.V.1798, vivente in centro nel 1853 con la moglie Caterina Romeri e il figlio Giovanni.

CAMPORINI
Un Gaspare (1786-1869) marito di Maddalerna Polini viveva in Ardenno nel 1853 con i cinque figli.

CAMERO
Famiglia di Biolo. Un Bartolomeo (1811-1865) viveva nel 1853 alla Pioda, coniugato con Domenica Pedruzzi e figli.

CANZI
Giuseppe di Carlo, marito di Lucia Pirola, era già defunto al Masino nel 1853, ma vi viveva il figlio Carlo Giuseppe, data di nascita 8.IV.1823, marito di Rosa Della Maddalena. Originari, sembra, del Lago.

CAPELLETTI
Famiglia di Scheneno presente nel 1631. Nel 1853 solo un Giuseppe, data di nascita 30.II.1823, marito di Metilde Mattei e figli. Questi Capelletti non sembrano avere affinità con i Cappelletti delle Prese di Sondalo.

CAPELLI
Un Cristoforo di Giovanni Capelli di Cologna (Tirano) sposava Maria fu Giovanni Masa del Gaggio il16.XII. 1783. Un Giacomo, forse suo tiglio, vi viveva nel 1853.

CAPRILI
Un muratore Luigi fu Angelo Caprili, data di nascita 7.IV.1795, Savignone, a 5 km da Busalla, marito di Giovanna Mescia, viveva ai Cavallari nel 1853 e vi lasciò discendenza.

CARASSALI
Giacomo fu Battista Carassali di Albosaggia nello Status Animartun riformato nel 1760 è detto abitare in Ardenno da 50 anni; il fratello Battista muore nel 1762. Nel 1853 un Antonio Carassali vive ai Calgheroli.

CASARTELLI
L'11.II.1766 un Pietro Rasella di Sondrio sposa Maria fu Bernardo Casartelli abitante ai Cavallari. Provenivano dal Comasco e nel 1853 erano ancora censiti ai Cavallari.

CASTELLI
Senza un'apposita ricerca è impossibile dire se traessero origine dai Castelli di Bellagio presenti in Ardenno nei secoli XIV-XV. Certo è che compaiono nel 1754 a Scheneno con il soprannome Foini (talora nelle registrazioni solo Foini!). Nel 1853 sono ancora a Scheneno, indi come tutti gli altri abitanti, abbandonano tale contrada nel secolo XX. Nel 1850 un Antonio Castelli di Appiano sposa in Ardenno una Carolina Sanpictro di Bellagio, ma sembra evento occasionale.

CATENA
Il 6.II.1774 Domenico De Maestri di Fusine sposava Caterina Catena abitante ad Ardenno, ma oriunda di Campo in Val Chiavenna.

CERASA
Il 19.I.1796 Lorenzo Tognardelli di Piazzalunga sposa la compaesana Domenica fu Battista Cerasa, famiglia non censita nello Status Anitnarutn del 1754. Presenti ancor oggi per probabile immigrazione più recente da Cevo, Val Masino.

del CHO
Tra i vicini di Biolo (de Cho) nel 1631; nel 1754 al Masino i fratelli Giovanni e Pasquale del fu Giacomo.

CIVATI
Un Giuseppe di Villalbese negli anni '60 del secolo XVIII sposava una Caterina vedova di Antonio Renaglia e il 17. VI.1793 una Caterina di Giacomo Civati andava sposa a Lorenzo Nazzari di Tirano. Abitavano nel centro del paese.

CIVETTA
Nel 1853 in Ardenno centro vivevano un Andrea, un Raimondo e un Carpoforo originari di Musso, tutti coniugati e con prole.

CLERICI
Famiglia proveniente da Fino Mornasco e stabilitasi in centro di Ardenno con Gaspare marito di Maria Carassali e di Pietro, marito di Teresa Donati, entrambi censiti nel 1853.

COLDINI
Nicolò Viviani di Livigno il 17.VIII.1763 sposava una Maria fu Giovanni Coldini di Scheneno. Oriundi probabilmente di Montagna.

COLMEGNA
Nel 1853 viveva in Piazzalunga un Carlo Giuseppe del fu Luigi, di famiglia originaria di Cadorago, coniugato con Maria Fioroni d'estrazione locale.

COLOMBO
Nel 1853 una famiglia Colombo nel centro del paese, nel secolo XX un Cristoforo Colombi d'ignoti.

COLTURI
Nel 1853 censiti in centro e ai Calgheroli, provenienti dal Bormiese o da Montagna.

CONFORTOLA
Un calzolaio livignasco, mastro Pietro fu Gabriele Confortola, viveva in centro d'Ardenno nel 1754 con moglie, tre figli e una cognata, ma morì nel 1756 e la sua famiglia si disperse.

CONTINI
V. Romegioli.

COPPA
Presenti alla Pioda nel 1631 erano però rappresentati da una sola famiglia nel 1754, Giovanni fu Carlo Coppa, moglie e due figli.

CORDA

Anch'essi alla Pioda nel 1631, nel 1754 i fratelli Gio. Antonio e Giacomo del fu Bernardo con le rispettive famiglie e le due figlie di un altro Giacomo. Un Gio. Fedele (1841-1871) morto in America.

CORDAIOLO
Gio. Battista fu Andrea Cordaiolo viveva in centro con la madre Maria: sposò in prime nozze Domenica di Pietro Plavanini vedova Gusmè (m. I-1757) e in seconde Giovanna del fu Agostini Coldini di Scheneno il 12.V1.1758.

CORVINI
Alla Pioda nel 1631; nel 1754 gli eredi di un Francesco, ossia i figli Bartolomeo, Pietro e Giuseppe chierico e le famiglie dei primi due, nonché un Carolus Corvinus (mondani Antonii Mauri e numerosa figliolanza: solo con apposita ricerca, però, potremo sapere se si tratti proprio di un Corvini o di un Mauri, famiglia passata a Caspano dalla Brianza (v. MAURI). Un Felice Corvini, data di nascita 20.IV.1794, viveva nel 1853.

COTTA
Originari di San Martino in Valmasino compaiono sin dal Seicento a Morbegno e, nel secolo seguente, a Talamona; in Ardenno si stanzaia, nell'ultimo quarto del sec. XVIII un dominus Martino marito di Eleonora Parravicini Zaccaria dalla quale ebbe almeno due maschi, Giacomo e Gio. Battista (1795-1861) e cinque femmine tutte collocate in matrimonio. Da Gio. Battista e Caterina Zanatti di Sondrio un Giuseppe che ebbe più figli maschi dei quali il solo Riccardo – o Gio. Battista Riccardo – (1869-1931) prese moglie e lasciò una figlia, Elvira (1924-2007) ultima di questo ramo della famiglia in Ardenno.

COTTI
Nel secolo XX provenienti da Artogne (Brescia).

COVAIA
Famiglia di Biolo scesa al piano nel secolo XX.

CREDARO
Martino di Matteo Credè di Montagna, da tempo abitante ad Ardenno, il 28.IV.1767 prendeva in moglie Anna Maria del fu Domenico Gusmeri (o Gusmè) di Gaggio.

CRESSINI
Da Fusine ad Ardenno centro già nel 1754 un Pietro, marito di una Gusmeroli della Serta, e che nel 1760 aveva con sé un nipote di 14 anni.

CROCI
Nel 1853 vivevano rispettivamente ai Calgheroli e al Masino i fratelli Antonio e Angelo fu altro Antonio forse della Siria e/o dell'Ospedale di Como.

CUCCHI
Lorenzo Cucchi era sindico della Quadra di Scheneno nel 1631, nel 1754 le famiglie di un Agostino e di un Lorenzo.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

D

DE BERNARDI
Nel secolo XX provenienti da Colico.

DE CAMPO
Un Giacomo De Campo di Tirano, marito di una Maria Fiorina, è censito in centro nel 1853.

DE GIOVANNI
Giovanni del fu Stefano e Caterina Franceschina, data di nascita 3.VIII.1799, Stazzona, il 10.X1.1823 sposava Maria Domenica Scigolini del Gaggio.

DEI CAS
Venuti da Piatta di Bormio nella prima metà del secolo passato con un Massimo del fu Silvestro.

DELL'AGOSTO
Il 14.V.1764 un Domenico di Gio. Antonio dell'Agosto della parrocchia della Santissima Trinità in Val San Giacomo andava sposa ad un Antonio Tarchini e il 2.V.1825 una Giovanna del fu Agostino dei Calgheroli s'accasava con Andrea Gianolini.

DELLA BERNARDA
Un Giovanni Della Maddalena di Montagna sposava il 13.1X.1769 Giacomina di Pietro Gandellini di Scheneno e un Martino di Antonio Brusa Della Maddalena (Brusa era il cognome originario della famiglia, derivata da una Maddalena vissuta nel Cinquecento) sposava a sua volta una Maria Orsola di Andrea Dosch di "Finizong" abitante al Masino il 3.III.1784. Nel 1853 tre famiglie Della Maddalena, una censita a Scheneno, le altre al Masino.

DELLA MADDALENA
Un Giovanni Della Maddalena di Montagna sposava il 13.IX.1769 Giacomina di Pietro Gandellini di Scheneno e un Martino di Antonio Brusa Della Maddalena (Brusa era il cognome originario della famiglia, derivata da una Maddalena vissuta nel Cinquecento) sposava a sua volta una Maria Orsola di Andrea Dosch di Tinizong abitante al Masino il 3.III. 1784. Nel 1853 tre famiglie Della Maddalena, una censita a Scheneno, le altre al Masino.

DELLA TORRE
Scesi in Ardenno da San Martino di Val Masino con un Felice (1851-1920).

DELLA VEDOVA
Nel 1853 un Giuseppe fu Andrea, data di nascita 27.IX.1823, Tirano, e un Giovanni fu Giovanni, data di nascita 8.XI.1819, Baruffini di Tirano. stabiliti in contrada Bagnera.

DE LUCCHI
Compaiono in Ardenno con il muratore Giuseppe (1769-1859) nato a Savignone da un certo Michele de Luca stabilitosi ai Calgheroli; uno dei suoi figli, Tommaso, marito di una Caterina Polinelli si stabilisce poi in contrada Bagnera.

DELL'ORSINA
Il 20.II.1792 Agostino fu Bartolomeo Presa prendeva in moglie Giacomina fu Giovanni Dell'Orsina del comune di Montagna, abitante in Ardenno.

DE MEO
Il 15.VI.1795 Giovanni fu Stefano de Mejo di Villa di Tirano e Maria fu Giacomo Passarelli di Campo, ambo da anni abitanti ad Ardenno, contraggono matrimonio.

DERADA
Un Domenico di Lorenzo Derada di Villa di Tirano abitante al Masino s'accasava con Maria Ferascini il 12.II.1789.

DE VENTURA
Immigrati da Forno di Canale, ora Canale d'Agordo (Belluno).

DOLCI
Il 12.VI.1820 un Antonio fu altro Antonio Dolci di Sant'Omobono di Val Imagna sposava Maria Domenica fu Giuseppe Simonella, ma forse con la famiglia si portò in Val Masino; ad ogni modo i Dolci sono ora presenti in Ardenno.

DONATI
Un Carlo Giuseppe (1787-1855) proveniente da Arzo sopra Morhegno viveva ai Calgheroli nella prima metà dell'Ottocento.

DONINI
Nel secolo XX da Dazio.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

E
-

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

F

FACETTI
Nel 1758 una Margherita Pomolatti di Piazzalunga era vedova, con tre figli, di un Giovanni Facetti. Nel 1853 una famiglia Facetti viveva ancora ai Cavallari. Originari probabilmente di Gualtieri sopra Sondrio.

FAGNANI
Il dominus Francesco del dominus Serafino Fagnani di Varenna sposava il 17.III.1812 la domina Marta Migazzi di Ardenno, matrimonio dal quale sortirono almeno Luigi, Elisabetta e Maria Rosa, tutti convolati a nozze in Ardenno tra il 1841 e il 1848.

FARINA
Il 19.III.1759 un Cristoforo Renaglia abitante a Biolo prendeva in moglie Caterina fu Antonio abitante alla Pioda. Originari di Montagna?

FASCENDA
Tra i vicini del Gaggio nel 1632, nel 1754 solo Anna Maria fu Pietro sposa ad Antonio Scigolini in contrada Ere.

FASCENDINI
Nel 1754 le due famiglie di Giacomo e di Giorgio Fascendíni al Gaggio, contrada Ere, e quella di Francesco in San Giuseppe, nonché una famiglia ai Calgheroli. Un Giacomo del fu Giovanni dimorante in centro del paese il 19.VIII.1797 sposava la "cittadina" Maddalena del fu Nicolò Parravicini-Zaccaria, onde il figlio signor Felice si fece chiamare Fascendini-Zaccaria e il nipote Nicola (1836-1906) parroco prima a Stazzona e poi a Sondalo, semplicemente don Nicola Zaccaria.

FASOLI
Un Gio. Battista, data di nascita 12.X.1813, Cremnago, da Mario e da Marta Arcelaschi è censito nel 1853 in centro con la consorte Maddalena Fiorina. Anche Antonio, data di nascita 5.11.1815, del fu Fomaso e marito di Teresa Fioroni viveva allora in Piazzalunga.

FERASCINI
Nel 1754 vivevano in contrada Ere del Gaggio le famiglie di Lorenzo e di Domenico Ferascini; Luigi del fu Domenico Ferascini (forse il già nominato) il 23.III.1799 prendeva in moglie Anna Maria Svanotti di Montagna.

FERRETTI
Originari di Caspano vivono ai Calgheroli sul finire del Settecento i fratelli Domenico e Pietro; altro Pietro, marito di Annunciata Gianoli, vi è censito nel 1853.

FIGONI
Nel 1853 è censito alla Pioda un Antono Figoni, data di nascita 29. VI11.1811, marito di Maddalena Pedruzzi, immigrato da Biolo.

FIORINA
Domenico Fiorina, data di nascita 26.III.1785, Villa, da Romerio ed Elisabetta Pasetti e marito nel 20.V.1816 di una Brigida Innocenti, nata a Roma il 7.X.1797, si stabiliva al Gaggio; un Antonio fu Antonio Fiorina, data di nascita 9.IX.1810 è invece censito nel 1853 alla Merlina. Lo stesso anno tre famiglie Fiorina vivevano in centro.

FIORONI
Nel 1631 tra i vicini della quadra de' Boggiaris di Piazzalunga; nel 1754 le famiglie di Giovanni, di suo fratello Remigio, di Giuseppe, figlio di quest'ultimo, di Tommaso del fu Pietro, di Tommaso fu Andrea e di Giovanni fu Pietro. Nel 1853 i Fioroni contano in Piazzalunga cinque fuochi, di Lorenzo, di Francesco, di Giacomo, di Giovanni e di Battista.

FLEMATTI
Pietro fu Pietro Flematti di Spriana (1791-1867) sposa una Margherita Tognanda di Scheneno il 21.IX.1818 ed è ivi censito nel 1853.

FOLINI
Nel 1631 tra i vicini del Gaggio, nel 1754 in contrada Ere le famiglie del fu Antonio, del fu Martino, di Vincenzo fu Giuseppe e di altro Giuseppe. Nel 1853 almeno 13 fuochi, oltre 3 ai Calgheroli e due alla Bagnera.

FONDRINI
Censiti alla metà del Novecento.

FOPALLI
Nel 1631 tra i vicini di Piazzalunga, Quadra de Segafenis, nel 1754 le famiglie dei fratelli Pietro, Remigio e Giacomo intenzionate però a lasciare il paese, come si nota nell'abest che viene aggiunto alla destra dei loro nomi, e ai Calgheroli la sola famiglia di Gio. Battista fu Gio. Pietro Fopalli. Nel 1853 un Giacomo fu Lorenzo, data di nascita 27.VIII.1824, coniugato ma ancora senza tigli, e un Santino in contrada San Lucio.

FORTINI
Il 20.VI.1766 Filippo Fortini di Albosaggia, abitante al Masino da 14 anni prendeva in sposa Maria fu Lorenzo Pisettti si Cavallari.

FRATINI
Una Margherita fu Giovanni Fratini era moglie di Maffeo Testini nel 1754 con quattro figli grandi, tutti viventi a Calgheroli.

FUTTEN
Cristoforo Futten trentino di Denno (a 10 km da Mezzolombardo), nato nel 1812 e marito di Margherita Tacchini è censito a Cavallari nel 1853.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

G

GAFFURI
Giunti in paese con un Giuseppe di Villalbesefanzulus dei Parravicini-Bedolini a metà Settecento: la di lui figlia Margherita il 6.I.1799 andava sposa a Giuseppe Camozzi di Fusine.

GAGGI
Un Paolo fu Giacomo di quarant'anni viveva in centro con la moglie Caterina Magini nel 1760 ma se ne allontanò ben presto, giacche a lato del nome è annotato: abest anno 1770.

GAGGINI
Nel 1754 ai Cavallari la vedova di Lorenzo Gaggini "o sia Gottardino" col figlio Lorenzo fatuus.

GAGGIOLI
Maria vedova di Giacomo Gaggioli con figlio Pietro in contrada Scheneno.

GALBUSERA
Famiglia originaria di Germanedo (Lecco) che compare in Morbegno almeno dai primi del Settecento ed ebbe rappresentanti anche a Talamona; con un Andrea marito di Stefana Rinaldi li troviamo nel 1853 anche in Ardenno.

GALIMBERTI
Una Luigia Nespoli, vedova di Giuseppe Galimberti viveva nel 1853 in Ardenno coi figli Giuseppe e Luigi, nati in paese. Un Carlo, di questa famiglia, era stato prevosto in paese dal 1799 al 1820, quando si dimise per motivi di salute.

GANASSA
Lorenzo fu Antonio Ganassa il 9.XI.1763 sposa Maria fu Lorenzo Gandellini di Scheneno; nel 1853 un Giuseppe fu Andrea, marito di Rosa Casanova e quattro figli a Piazzalunga e una famiglia ai Calgheroli, oltre a quella di Carlo e di Giovanni fu Andrea stabilite al Masino.

GANDELLINI
Tra i vicini di Scheneno nel 1631, nel 1754 le famiglie di Santo fu Gio. Antonio, di Anna Maria vedova di Lorenzo coi quattro figli, di Pietro fu Carlo e di Maria vedova di Andrea con tre figli. Nel 1853 un altro Lorenzo (1780-1855).

GANZINI
Al Gaggio, contrada Ere, un Pietro Ganzini detto Belardinus, moglie e figlio Giuseppe premono ai genitori.

GAVAZZI
Un Pasquale Gavazzi figura tra i censiti al Masino nel 1853.

GEROLA
Da Lierna un Gherardo, data di nascita 13.X.1880, e discendenti.

GEROSA
Nel 1754 un Angelo fu Antonio Gerosa viveva al Masino con la moglie Rosa Ferrari e due figli.

GIAMBELLI
Una Anna Maria del fu Antonio Giambelli di Albosaggia ma abitante ad Ardenno il 10.1.1757 andava sposa a Carlo Antonio Molina ivi abitante.

GIANATTI
Antonio fu Agostino Gianatti di Montagna e abitante a Piazzalunga il 7.III.1757 sposa una Margherita Bigiotti di Buglio anch'essa abitante a Piazzalunga.

GIANINI
Tra i vicini di Biolo nel 1631, oggi scesi al piano del Masino.

GIANOLI
Vicini della Quadra de Bogiariis in Piazzalunga nel 1631: tre famiglie nel 1754, quelle di Giuseppe, del fu Agostino e di Pietro fu Antonio. Nel 1853 quattro famiglie di Piazzalunga e una, quella di Lorenzo, ai Calgheroli. Un Francesco detto Checasc, data di nascita 26.VI.1805, Gaggio, da altro Francesco di Piazzalunga, viveva nel 1853 al Gaggio con la moglie Maria Lanscietti.

GIANOLI
Un Andrea di Antonio Gianoli di Lanzada il 3.II.1799 sposava Maddalena Tinelli vedova Fioroni di Piazzalunga, ma non sembra aver lasciato discendenza in paese.

GIANOLINI
Andrea fu Giovanni Gianolini dei Moroni di Sondrio il 2.V.1825 prendeva in moglie Giovanni fu Agostino Dell'Agosto ai Calgheroli. Nel 1853 un Pietro Gianolini marito di Maddalena Libera viveva in Piazzalunga.

GIORIO
Famiglia immigrata dal Vicentino nel secolo passato.

GNALI
Originari di Lumezzane (Brescia), secolo XX.

GOBETTI
Antonio fu Antonio Gobetti di Cologna, Tirano, il 21.II.1797 sposava Domenica Fioroni di Piazzalunga da cui Antonio da cui altro Antonio, data di nascita 21.VII.1821, marito di Maria Raschetti e residente in centro.

GRAZIOLI
Nel 1754 solo un Pietro Grazioli con la moglie in Piazzalunga.

GRIGIONI
Un Paolo del fu Ignazio Grisono ab agro Comensis da più anni al servizio dei Visconti Venosta il 28.II.1796 prendeva in moglie una Assunta Moschetti di Morbegno, già vedova del tiranese Pietro Camp (De Campo). Il figlio di questa coppia Gio. Maria Ignazio (1802-1866) viveva con la moglie al Masino nel 1853.

GUERRA
Il 14.XI.1763 mastro Giacomo Illini sposava Caterina Guerra di Talamona, ma abitante ad Ardenno.

GUSME’, o GUSMERINI
Nel 1754 in centro le famiglie di Pietro Antonio fu Giovanni (m. 1756) e di Giuseppe fu Pietro (m. 1766), nonché la vedova di un Giovanni la cui unica figlia non le sopravvisse; ai Calgheroli la vedova di un Antonio Gusmè. Al Gaggio un Gio. Maria fu Domenico sposava il 31.VII.1755 Giovanna di Lorenzo Ferascini e il 24.V.1796 una Elisabetta di Giuseppe Maria Gusmè andava sposa a Stefano Lanzini di Pendolasco.

GUSMEROLI
Il 21.X.1760 un Pietro Cressini di Fusine sposava Lucrezia di Carlo Gusmeroli della Serta, ma abitante ad Ardenno centro.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

H

HOMODEI
Nel 1760 risulta abitare ad Ardenno la famiglia Homodei di Sergio del fu capitano Benedetto, composta da quattro fratelli e una sorella; nei documenti si definiscono "di Sernio ed Ardenno". Felicita. ex monaca, figlia del capitano Gio. Paolo moriva in Ardenno nel 1831, mentre i fratelli erano tornati a Tirano. Nel 1766 un'altra famiglia Omodei di Tirano e di ceto più modesto abitava "nelle case de' Migazzi situate agli oppoli ove si dice la Gennara sopra Franzenesco", ma presto obiere partim, panini abiere.

I

ILLARIO
Un Ildebrando Illario d'ignoti, data di nascita 1.VII.1893, Lezzeno.

ILLINI
Un mastro Giacomo Illini Burmiensis viveva nel centro del paese nel 1760 e, persa la prima moglie, il 29.XI.1768 sposava Giovanna Menesatti di Sondrio. La famiglia era ancora censita nel 1853.

INNOCENTI
Nel 1754 al Gaggio, contrada Arsiscio, vivevamo le famiglie dei fratelli Giovanni e Lorenzo del fu Pietro, di Giovanni fu Pietro e la vedova di un altro Lorenzo Nocenti con un figlio. Nel 1754 dieci famiglie al Gaggio e due ai Cavallari.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

J

de JACOBJS
Nel 1754 viveva ai Cavallari la famiglia di un Domenico de Jacohis marito di una Domenica Tognini, ma i loro nomi sono cancellati probabilmente per essersi allontanati dal paese.

JACOMELLA
Un Andrea Jacomella di Lanzada, ma abitante ad Ardenno il 14.V.1787 sposava Maria fu Lorenzo Innocenti.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

L

LANSCIETTI
Nel 1754 un Pietro Lanscietti con la moglie Caterina e il figlio Lorenzo con numerosa figliolanza.

LANZINI
Stefano fu Stefano Lanzini di Pendolasco il 18.IX.1791 sposava Maria Maddalena Andrioli di Teglio e nel 1853 un Giuseppe, data di nascita 15.IX.1808, e marito di Maria Pirola viveva a Piazzalunga.

LEGORINI
Un Giovanni del fu Giacomo Legorini (lei Cavallari il 30.VI.1762 sposava Domenica Fascendini e la sorella Domenica il 23.XI.1768 andava sposa ad Antonio Paganoni di Albosaggia.

LIBERA
Nel 1754 i fratelli Gio. Battista e Pietro del fu Giuseppe con le rispettive famiglie vivevano al Masino. Nel 1853 tre famiglie di Giuseppe, Giovanni e Francesco Libera, sempre al Masino.

LISCIONI
Famiglia censita al Masino con Andrea, moglie e due figlie nel 1754.

LONGA
Un Gabriele fu altro Gabriele Longa (della Longa) con la moglie Caterina Mainetti, una figlia e due famuli vivevano in centro del paese nel 1754, ma è annotato a lato: haec familia est extincta.

LOTTER
Nel 1754 Giovanna vedova di Gio. Pietro Lotter ai Cavallari, altro Gio. Pietro il 17.IX.1764 sposava Domenica To­gnalli di Polaggia.

LUCHINA
Nel secolo XX da Campovico.

LUISATTI
Gio. Battista Luisatti di Montagna sposa il 18.III.1771 Maddalena fu Giuseppe Gianoli di Piazzalunga.

LUISELLI
Nel 1853 un Bernardo Luiselli marito di Margherita Croci è censito in contrada Magiasca.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

M

MAFFIOLI
Nel 1754 a Scheneno una Giovanna vedova di Gio. Pietro Maffioli e figli. Nel 1583 un Pietro (1796-1867) padre di un altro Pietro e famiglia.

MAIFRÈ
Antonio fu Domenico Maifrè di Tirano, ma abitante in Ardenno sposava il 13.V.1792 Maria Petrina Boni di Mello, vedova di Giuseppe Ferascini.

MAINETTI
Il 3.II.1760 Gio. Francesco di mastro Francesco Viviani sposava Caterina del fu Carlo Mainetti abitante in Ardenno.

MANZI
Un muratore Luigi di Giovanni Manzi, data di nascita 13.I.1832, Cremia, viveva in centro con la moglie Maria Orsola Folini sposata il 4.X.1858.

MANZOLINI
Il carbonaio Gio. Battista fu Bernardino, data di nascita 10.III.1791, Casargo sopra Bellano, viveva nel 1853 al Gaggio con la moglie Maria Mescia e il figlio Bernardo.

MARANTA
Pietro fu Andrea Maranta Magoni e Maria fu Pietro Folini, data di nascita 9.X.1823, Gaggio, ove viveva nel 1853, poi accasato con una Teresa Marchesini nel 1860.

MARCHESINI
Il 7.IX.1772 un Giacomo Raschetti sposava una Maria di Giuseppe Marchesini modo Ardeni habitatrix.

MAROLI
Nel 1754 a Piazzalunga le famiglie di Maria vedova di Andrea Maroli di Lorenzo, dei fratelli Giovanni e Pietro del fu Gio. Battista e del loro consanguineo Lorenzo e, alla Pioda, le famiglie di Margherita con cinque abbiatici, di cui due accasati, e di Antonio. Nel 1853 una famiglia a Piazzalunga e quattro ai Pesci.

MASA
Nel 1754 al Gaggio, contrada Ere, un Giovanni fu Abbon­dio con la moglie Giovanna Boiani; la loro figlia Maria andava sposa a Cristoforo Capelli di Cologna il 16.XII.1783. Antonio del detto Abbondio viveva in centro con la moglie fu Giuseppe Píghetti e tre figlie.

MASCIADRELLI
Il 26.V.1802 Giovanni Ruvide del Gaggio sposa la vedova di tale Andrea Masciadrelli Ardeni quondam Caspani.

MAURELLI
Un Mauro fu Carlo Mauri, data di nascita 22.VIII.1805, marito di Celestina Pradè è censito alla Pioda nel 1853: dubitiamo possa trattarsi della stessa famiglia citata alla voce CORVINI.

MAZZA
Da Como nel XX secolo.

MAZZOCCHI
Un calzolaio, Marco fu Giovanni Mazzocchi, data di nascita 19.X.1821, tra i censiti di Piazzalunga nel 1853; sposò poi una Giovanna Fomiatti di Montagna e ne ebbe figli.

MAZZOLATTI
Un Giovanni del fu Martino Mazzolatti che abitava a Buglio da 14 anni ma era probabilmente originario di Villa di Tirano, il 25.IV.1816 sposava Maria Bolla, vedova di Lorenzo Boiani e si stabiliva al Gaggio. Nel 1853 viveva il figlio Giacomo (1817-1864) con la moglie Marianna Salini e i figli.

MENATTI
Pietro fu Andrea Menato detto Bianchini di Pendolasco, ma abitante in Ardenno sposava il 20.IV.1785 Domenica fu Lorenzo Mescia detti "della Torciola" del Gaggio.

MENEGHINI
Un Antonio di Paolo Meneghini teste a un matrimonio il 19.VIII.1797 si dichiara abitante ad Ardenno.

MENESATTI
Nel 1754 in centro abitava un Domenico Menesatti con la moglie Margherita Magini ed ebbero una Maria nel 1756, nella contrada Masino un Giovanni di Andrea Menesatti. originari di Sondrio, passarono a Biolo.

MENGHINI
Nel 1853 al Masino è censito un Gio. Antonio Menghini. data di nascita 25.1.1808, con moglie e figli.
 
MERAVIGLIA
Immigrati da Morbegno nel secolo XX.

MERLO
Nel 1853 vive in centro di Ardenno un Paolo fu Pietro Merlo, data di nascita 1776, Morbegno, padre di un Carlo, data di nascita 1819.

MESCIA
Vicini di Piazzalunga, Quadra de Bogiariis nel 1631. Nel 1754 le famiglie di Battista, del fu Lorenzo, e di suo figlio Antonio e quella del fu Beltramo. Nel 1853 la famiglia di Pasquale alla Magiasca, quella di Giovanni, di Lorenzo e di Giacomo a San Lucio e tre rimaste a Piazzalunga. Abbiamo già ricordata una famiglia Mescia detta "della Torciola" al Gaggio nel 1785.

MESIANO
Da Roccaforte del Greco (Reggio Calabria) nel secolo XX.

MICHELETTI
Emigrati a Neuchatel e di qui in Ardenno, secolo XX.

MIGAZZI
di Bema troviamo tra i vicini del Gaggio un ser Antonio Pecadellus de' Migazzi i cui successori passarono ad abitare nel centro del paese: nel 1754 viveva, con la famiglia, un dominus Gio. Battista (t 25.X11.1766) il cui figlio Gio. Pietro sposava la nobile Martina del dottor Fabio Carbonera di Sondrio dalla quale ebbe Gio. Battista e Fabio. Il primo prese in moglie Anna Parravicini-Zaccaria e ne ebbe Gio. Pietro che sposò la domina Eleonora Cotta vedova del cugino Gio. Battista, figlio di Fabio, il I 3.VIII.1810. Nel 1853 viveva in Ardenno, in casa del signor Giacomo Cotta, una Candida Migazzi.

MIGLIORINI
Censiti a metà del Novecento.

MISBONOMI
Tra i vicini dei Calgheroli nel 1631 (de mistro Bonomo); nel 1754 un Giuseppe fu Carlo (m. 1757) la cui vedova Domenica fu Gregorio Fancoli rimasta con l'unica figlia Maria Maddalena, passò a seconde nozze con Antonio Gusmè al quale diede almeno tre figli. Il 5.VIII.1765 Carlo fu Lorenzo Misbonomi sposava Maria fu Battista Renaglia abitante ad Ardenno.

MOLTENI
Nel 1853 è censito in Scheneno un Carlo Molteni.

MONDORA
Pietro fu Pietro Mondora (1794-1864), nato a Stazzona si portava in contrada Bagnera ove ebbe un Giuseppe dalla moglie Maria Angela Bongi nativa di Talamona e, questi, un Pietro e altri figli da Giovanna Folini.

MORASCHINELLI
Immigrati da Teglio (ancora non era stato costituito il comune di Aprica) nel secolo XX.

MORINI
Nel 1754 a Piazzalunga una Domenica vedova di Pietro Morini con le figlie e la famiglia di Giuseppe Morini col figlio Giacomo coniugato con una Petronilla.

MOSCHETTI
Nel 1853 viveva in centro un Giuseppe Moschetti nativo di Morbegno.

MOSSINI
Nel 1631 Lorenzo fu Domenico Mossini era "sindico" della quadra del Gaggio. Nel 1754 le famiglie di Giovanni fu Pietro, di Domenica vedova di Domenico, di Maria vedova di Lorenzo con tre figli coniugati e quella di Pietro fu Lorenzo dictav del Ungo. Nel 1853 al Gaggio le famiglie di Paolo e Lorenzo Mossini, ai Cavallari quella di Domenico detto Lungo.

MOSTACHETTI
Originari di Caiolo li troviamo al Gaggio, contrada Ere, nel 1754 con Gio. Battista, moglie e figli.

MOTTA
Vicini di Piazzalunga, Quadra de Bogiariis, nel 1631 (del Motta). Nel 1754 le famiglie di Pietro con vari figli, uno dei quali, Domenico sposato con figli (ma lo Status Animarutn non è troppo chiaro su questo punto in quanto po­trebbe invece essere fratello del successivo) e quella di un Giacomo con moglie, due figli e una famula. Nel 1853 le famiglie di Pietro, Lorenzo, Giuseppe e di Giovanni del fu Domenico.

MOTTALINI
È la famiglia originaria di Rodolo dalla quale venne la madre del pittore Gio. Pietro Ligari, nato infatti ad Ardenno, la domina Maria Maddalena. Nel 1754 viveva un ser Antonio Maria coi figli Vincenzo e Cristoforo a lui premorti e che si allontanò dal paese: obiit profugus super terram, tamquam Cain, come incisivamente si esprime il prevosto. V'era inoltre un ser Giuseppe, marito di Giulia del fu dottor Andrea Botterini, secondo marito di sua madre, e un ser Ignazio che è detto abitare a Roma nel 1757 e dove prese in moglie una certa Santa nel maggio 1763.

MOTTI
Nel 1631 un Pietro Motti era "sindico" della Quadra de Bogiariis di Piazzalunga. Il 21.I.1766 una Maria di Giuseppe Motti di Scheneno andava sposa a Giuseppe Folini.

MOZZI
Da Castione nel Novecento.

MURA
Da Licciana Nardi (Massa Carrara) nel Novecento.

MUTTONI
Nel 1853 è censito al Masino un Luigi Muttoni, data di nascita I .XII.1795, marito di Maria Carra e figli.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

N

-

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

O

ONESTI
Da Licciana Nardi (Massa Carrara) nel secolo XX.

ORSINA
Il 12.IV.1768 Giovanni Motta sposa Maria fu Giovanni Orsina, ambo di Piazzalunga (cfr. DELL'ORSINA).

ORSINGHER
Un Gaspare (1805-1868) fu Giovanni di Canal San Bovo in Valsugana, marito di Maria Boiani, s'era stabilito al Gaggio.

ORSINI
Il 2.IX.1800 Giovanni Salini di Piazzalunga sposava Caterina di Giovanni Orsini di Chiesa in Val Malenco.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z


P

PAGANONI
Antonio fu Bartolomeo di Albosaggia, e da tempo abitante ad Ardenno ai Cavallari, sposava Antonia Legorini dello stesso luogo.

PAINI
Un Pietro di Pietro Paini che abitava fin da adolescente a Scheneno il 19.IV.1773 prendeva in moglie Maria Misbonomi dei Calgheroli ove si stabiliva e ove abitavano ancora i nipoti nel 1853.

PALA
Il 29.IX.1779 un Benedetto Croce di Como sposava Caterina fu Bernardo Pala de hac parocia, benchè originaria del Cedrasco.

PARADISI
Un Maurizio, data di nascita 20.VIII.1843, Ponte, di altro Pietro d'ignoti, marito dal 10.V.1869 di Domenica Polinelli del Masino ove si stabilì.

PAR(R)AVICINI
Numerosi i rami dei Parravicini stabilitisi nel tempo in Ardenno: nel 1754 v'erano le famiglie di Francesco Parravicini di Bedoglio con sei figli e figlie, quella del capitano Vincenzo, marito di Francesca Salis, col figlio Gio. Simone poi passato in alta Valtellina, e varie figlie, tra le quali una andò sposa al nobile Francesco Peregalli e un'altra al famoso Diego Guicciardi. Oltre a queste v'erano le famiglie Parravicini Volpatti in via d'estinzione e i più numerosi Parravicini Zaccaria.

PASINA
Un Domenico Pasina, data di nascita 31.XII.1824, viveva in centro con la moglie Maria Angela Salini, ma il figlio omonimo, data di nascita 6.V111.1877, abitava alla Magiasca.

PASSARELLI
Giovanni de Mejo di Villa il 15.VI.1795, sposava Maria fu Giacomo Passarelli di Campo: entrambi abitavano da anni ad Ardenno.

PATRIARCA
Un Ambrogio, data di nascita 14.X.1850, Muronico Intelvi, marito, dal 13.VIII.1884, di Angela Pradè, si portava ad Ardenno.

PEDEMONTI
Un muratore Giuseppe Pedemonti, data di nascita 2.II.1814, Sant'Ursicino (Genova), marito di Maddalena Burri e figli vivevano ai Cavallari nel 1853 e i figli di un Lorenzo, originario di Orero, comune di Serra Ricci (Genova), Antonio e Carlo, vivevano alla Merlina.

PEDROLA
Nel 1631 vicini di Biolo, Quadra del Camero; nel 1754 censiti anche a Scheneno con la famiglia di un Remiglio fu Pietro e alla Valmala con Pietro fu Pietro. Il 23.X.1792 Giacomo Antonio fu Pietro di Scheneno prendeva in moglie Anna Maria fu Giacomo Antonio Gandellini, ma verso la metà del secolo seguente i Pedrola erano scesi al Masino.

PEDROTTI
Pietro fu Giuseppe Pedrotti del Boffetto e Maria fu Lorenzo Vettovalli di Caiolo, entrambi abitanti in Ardenno, si sposavano il 4.XII.1798.

PEDRUSCINI
Tra i vicini di Scheneno nel 1631; nel 1754 le famiglie di Domenico fu Pietro e del fratello Gio. Battista, di Pietro Antonio fu Pietro, di Domenico fu Carlo e fratelli e di Pietro fu Gio. Antonio Pedruscini detti Cancellieri. Nel 1853 le famiglie di Giovanni (1803-1859) e del fu Domenico.

PEDRUZZI
Tra i vicini della Pioda nel 1631; nel 1754 le famiglie di Lorenzo e del fu Mania suo nipote, nonché quelle di Tommaso fu Giovanni, del fu Lorenzo, del fu Vincenzo, del figlio Natale e del nipote Antonio. Nel 1853 sei famiglie, tutte alla Pioda.

PETÈ / PETERI
Nel 1754 le famiglie del fu Gio. Pietro e di Giacomo fu Pietro. Il 19.VIII.1772 un Agostino fu Giacomo Potè sposava Maria di Carlo Mauri Corvini della Pioda.

PETRILLI
Lazzaro d'ignoti, data di nascita 4.II.1883, Lecco, censito a metà Novecento.

PIAZZA
Da Chiuro, secolo XX.

PIFFARI
Da Cataeggio nel Novecento.

PIGHETTI
Nel 1754 un Andrea fu Antonio (m. 1758) ai Cavallari sposato ma senza figli e, in centro, le famiglie di Giovanni fu Lorenzo, Tommaso fu Francesco (m. 1762) – e, poi il figlio Francesco – del fu Giuseppe, da cui solo femmine, e del fu Pietro con un'unica figlia maritata poi ad un Gaspare Capitanelli di Campo. Nel 1853 in centro un Lorenzo, data di nascita 8.X1.1804, fu altro Lorenzo, possidente, marito di Elisabetta Fagnani di distinta famiglia trapiantata in Ardenno da Varenna e, ai Calgheroli, la famiglia di un Giovanni Pighetti.

PIROLA
Nel 1754 troviamo al Masino la famiglia di Domenico Pietro Pirola. Il 7.VIII.1790 Domenico Maria di Giacomo Pirola originario di Cologna di Tirano, ma nato in Ardenno, sposava Caterina di Giovanni Rinaldi di Cologna. Nel 1853 i Pirola vivevano sempre al Masino, tranne un Giuseppe che abitava in centro.

POLI
Da Dazio, secolo XX.

POLINELLI
Nel 1853 sono censite ai Calgheroli le famiglie di Domenico e Giovanni Polinelli.

POLINI
Originari di Mello passarono poi a Dazío, contrada Pilasco, ragione per la quale non sono censiti nello Status Animarum di Ardenno del 1754. Nel 1853 viveva in centro l'oste Gaspare fu Luigi, data di nascita 6.VI.1836.

POMINALLI
Vicini di Piazzalunga, Quadra de Segafenis, nel 1631. Nel 1754 la vedova di un Lorenzo col figlio Pietro e i fratelli Tomaso e Giacomo del fu Andrea. Nel 1853 ai Cavallari la famiglia di un Giacomo Pomoli e di un Pietro Pomoli.

PONGHETTI
L'1.X.1759 Antonio Ponghetti nunc Gusmerio di Ardenno, abitante ai Calgheroli sposava Lucrezia fu Domenico Tarchini abitante in loco della Metta: non è chiaro senza un'indagine mirata stabilire se si tratti qui dell'assunzione di un nuovo cognome per eredità o adozione...

PRADE’
Famiglia d Biolo che nel 1853 troviamo anche in Ardenno centro con le persone di Gio. Santo (1825-1860) e di Giuseppe, data di nascita 19.V.1822, entrambi coniugati con una Raschetti.

PRESA
Un Bartolomeo fu Giacomo Presa con quattro tigli ma schi e un fratello viveva in Masino nel 1754; uno dei figli, Agostino, il 20.11.1792 sposava Giacomina fu Giovanni Dell'Orsina. Originari di Villa?

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

-

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

R


RABBIOSI
Da Cosio nel Novecento.

RAIA
Nel 1754 la famiglia di Andrea fu Francesco con il figlio Francesco, già coniugato, e quella del fu Domenico.

RASCHETTI
7.XII. I 772 Giacomo fu Giuseppe Raschetti della Sirta prendeva in moglie Maria Marchesini abitante in Ardenno e il 19.IV.1791 Giacomo fu Giovanni Raschetti di Alfaedo e abitante in Ardenno sposava Anna Maria Buzzetti originaria di Dazio. Nel 1853 v'erano in Ardenno almeno una famiglia Raschetti in centro e una al Masino consanguineo, ma non necessariamente parenti fra loro.

REALINI
Giunti in Ardenno da Buenos Aires, secolo XX.

REBUZZI
Un Pietro fu Bartolomeo Rebuzzi di Regolido di Civo si stanziava al Masino pel matrimonio con Annunziata Silvestri del luogo, dando origine al locale ramo della famiglia.

REDAELLI
Da Barzago un Amilcare fu Pietro, data di nascita 26.XII.1889, marito di Ines Spinelli, da cui altro Pietro, viventi in Ardenno.

REGANZANI
Un Giovanni di Teglio – ove in cognome suona Reghenzani – si sposava in Ardenno con Teresa Fasoli il 5.VIII.1868, onde discendenza al Masino.

REGAZZONI
Attilio fu Giovanni e Radegonda Spini, data di nascita 16.XI.1892, Ardenno.

RENAGLIA
Oriundi della Colorina, nel 1754 vivevano in centro un Domenico del fu Cristoforo e un Antonio (m. 1761) con le rispettive famiglie.

RESTELLI
Un Romeo Restelli d'ignoti, data di nascita 30.VIII.1893, Como, coniugato con Teresa Maranta.

RIGHETTI
Da Castiglione de' Pepoli (Bologna) nel XX secolo.

ROCCHI
Un Tommaso fu Giuseppe Rocchi di Buglio si portava al Gaggio avendo sposato il 30.VIII.1828 una Annunziata Innocenti del luogo, dalla quale un Giuseppe, data di nascita 21.VI.1831.

RODIGARI
Un Giuseppe Rodigari, data di nascita 14.VII.1829, viveva in centro con la famiglia nel 1853. Nel secolo XX altro Rodigari, data di nascita 1894, Montagna, probabilmente non della stessa famiglia.

ROMANÒ
Da un Riccardo fu Giovanni, data di nascita 1904, proveniente da Talamona.

ROMEGIOLI
Vicini di Piazzalunga, Quadra de Segafenis, nel 1631; nel 1754 un Giacomo Romegioli detto Continus con moglie e tre figli: a fianco del suo nome è stato aggiunto profugus. nel secolo seguente viveva al Gaggio un Antonio fu Giuseppe Romegioli (1815-1855).

ROMERI
Un Tomaso di Andrea Romeri di Albosaggia il 6.II.1780 sposava Maria Caterina di Gio. Battista Simonella e nel 1853 un altro Andrea viveva al centro del paese.

ROSSI
Nel 1853 una Domenica Raia, vedova di Antonio Rossi. viveva con tre figli maschi al Masino.

ROVEDA
Nel 1631 vicini di Piazzalunga, Quadra de Segafenis, il 26.V.1802 un Giovanni fu Domenico Roveda (o Rovida. ignoriamo eventuali rapporti coi Roveda di Piazzalunga) sposava la vedova di un Andrea Masciadrelli.

ROVEDATTI
Il 26.IV.1768 un Domenico Rovedatti di Berbenno da molto tempo abitante al Gaggio e già vedovo di Maria Mostachetti sposava una Domenica fu Giorgio Fascendini: il Giovanni fu Domenico Roveda di cui alla voce precedente è, con ogni probabilità, un figlio di costui (Roveda=Rovedà).

ROVELLI
1763 die prima mensis Junii: accola fuit in loco Marini Dotninicus filius Josephi Rovelli Cusii Vallis Brarnbanae etatis suae annorum circiter vigintiunum. Il nipote di costui, Domenico Pasquale, data di nascita 8.II.1799, è censito al Masino nel 1853.

RUFFINI
Presenti nel 1853 con un Basilio Ruffini, nativo di Morbegno e stabilito in Ardenno centro.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

S


SAINI
In Ardenno centro nel 1853 da Teglio.

SALINI
Vicini di Piazzalunga, Quadra de Bogiariis nel 1631; nel 1754 le famiglie dei fratelli Carlo e Lorenzo Salini, nel 1853 le famiglie di Giovanni, Tomaso e altro Giovanni ancora a Piazzalunga e quella di un Pietro ai Calgheroli, di Costantino a Scheneno nonché una in centro.

SAMPIETRO
Nel 1853 un Giuseppe Sampietro è censito al Masino.

SARESINI
Giuseppe fu Gio. Battista Saresini di Mompiano (Brescia) abitante ad Ardenno prendeva in moglie il 30.I.1770 Anna Maria del fu Giacomo Cesare del Coo del Masino, vedova di Giuseppe del fu Giacomo Boiani del Gaggio.

SAVETTA
Originari di Biolo ove sono tra i vicini nel 1631; nel 1754 li troviamo a Scheneno con le famiglie di Lorenzo fu Giacomo, Pietro fu Giacomo e Giovanni fu Giacomo. Nel 1853 alla Pioda con un Pietro, data di nascita 3.V.1822, marito di Teresa Corda e figli.

SCARINZI
Tra i vicini dei Cavallari (Quadra de' Calgheroli) nel 1631; nel 1754 solo due figlie del fu Beltramo Savetta ai Calgheroli.

SCIGOLINI
Nel 1631 erano tra i vicini del Gaggio, nel 1754 in Arciscio con le famiglie di Domenico fu Domenico, del fu Andrea, di Giovanni, di Lorenzo fu Pietro, di Antonio fu Antonio del fu altro Antonio, oltre ad un ennesimo Antonio accasato in contrada Ere. Nel 1853 una famiglia ai Cavallari e una alla Magiasca.

SCILIRONI
Un Antonio fu Pietro abitava a Scheneno e, nel 1803, all'epoca del suo secondo matrimonio con Maria Simonelli, era soprannominato Castelli dal nome della prima moglie.

SCOTTI
Un Giovanni, data di nascita 1.IV.1804, di Ambrogio di Sorisole (Bergamo) e Domenica De Luis di Tirano, viveva ai Calgheroli nel 1853.

SCOTTONI
Francesco Antonio (1787-1868) nativo di San Nazario a 10 km da Bassano del Grappa e marito di Margherita Gianoli era censito in Piazzalunga nel 1853.

SELVA
Nel 1853 viveva con la famiglia al Gaggio il carbonaio Mansueto, data di nascita 3.IV.1821, Noceno/Vendrogno sopra Bollano, marito di Caterina De Giovanni, figlia di una Scigolini del luogo.

SELVETTI
Un Giacomo Selvetti di Buglio, marito di Domenica Bellasi, viveva al Gaggio nel 1853.

SERONASCHI
Nel 1631 vicini di Piazzalunga, Quadra de Bogiariis; nel 1754 un Giacomo con la moglie Maria e tre figli.

SESINI
Un Amedeo, di Severo Sesini e Maria Ciampini, viveva nel 1853 a Masino, il fratello Giovanni, falegname, al Gaggio.

SILVESTRI
Nel 1754 la famiglia di Giovanni Silvestri viveva al Masino. Tre fuochi nel 1853. Originari di Livigno?

SIMONELLA
Tra i vicini di Scheneno nel 1631. Nel 1754 le famiglie di Simone fu Antonio, Giovanni fu Gio. Battista, Gio. Giacomo fu Lorenzo, Giuseppe suo figlio e di Lorenzo fu Bernardo. Nel 1853 la famiglia di Giovanni, data di nascita 28.VII.1796, a Scheneno e quella di Giacomo con moglie e tre figli al Masino: entrambe sono censite come Simonelli.

SIMONETTI
Da Biolo, secolo XX.

DE SIMONI
Il celebre giurista Alberto (1740-1822) il 21.IX.1764 aveva sposato Maria Giuseppa del nobile Francesco Parravicini di Bedoglio di Ardenno, per cui i de Simoni presero stanza anche in paese ove l'1.XII.1858 moriva il nobile Giuseppe. figlio di Alberto.

SONGINI
Da Cataeggio, secolo XX.

SOJA
Nel 1853 vive al Gaggio la famiglia di un Alberto, data di nascita 17. IX.1799, oriundo di Bianzone.

SPANDRI
Giovanni del fu Pietro (1782-1863) nato a Cortenova Valsassina e stabilitosi a Scheneno con i figli Pietro e Antonio, entrambi coniugati.

SPEZIALE
Dalla Sirta, secolo XX.

SPINELLI
Nel maggio 1758 Giovanni fu Stefano Tacchini dei Cavallari sposava Caterina del fu Giovanni Stazzonelli abitante alla Pioda.

STOPPANI
Tommaso del fu Giovanni di Muronico Intelvi sposava in Ardenno Maria Cristina di Giacomo Raschetti e nel 1853 la famiglia è censita in centro con un Giacomo ed un Battista.

SUSANNA
Tra i vicini della Pioda nel 1631. Nel 1754 Tomaso fu Simeone col figlio Pietro già coniugato ma convivente sono l'unico fuoco dei Susanna. Il 19.IV.1785 Susanna del fu Pietro Antonio Susanna andava sposa a Giacomo Antonio Basta di Biolo.

SVANETTI
Un Antonio Svanetti, fu Bernardo e Caterina Brusaschi, nativo di Teglio il 10.II.1824 sposava Maddalena di Domenico Pighetti onde un Domenico, data di nascita 3.VIII.1827, vivente ai Cavallari.

SVANOSSI
Forse originari di Villa (Svanosio) abitavano a Pilasco e sono quindi registrati nello Status Animarum di Ardenno solo nel secolo XX.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

T

TACCHINI
Nel 1631 tra i vicini dei Cavallari; nel 1754 le famiglie di Domenico fu Giuseppe e del fu Lorenzo. Un Giovanni del fu Stefano compare in quegli anni per aver contratto due successivi matrimoni nel 1756 e nel 1758.

TARCHINI
Antonio Ponghetti none Gusmerio abitante ai Calgheroli sposava Lucrezia fu Domenico Tarchini abitante in loco dela Molla (Gaggio) e qualche anno dopo, il 14.V.1764, il fratello di lei, Antonio Turchini, prendeva in moglie Domenica Dell'Agosto.

TECCIALLI
Il 21.VIII.1770 una Domenica di Pietro Teccialli di Polaggia, ma abitante ai Cavallari, andava sposa a un Giovanni Burri di Ruglio.

TEGHEN
La famiglia di un Francesco Teighen viveva ai Calgheroli nel 1754 e, a fianco del suo nome è annotato: abiit, excessit, evasit, erupit. Era certamente venuto da Sondrio, contrada di Triasso.

TERBALDI
Da Provaglio d'Iseo, secolo XX.

TESTINI
Nel 1754 ai Calgheroli viveva un Maffeo del fu Antonio (m. 1756) e padre di Gio. Pietro e Giuseppe Maria coniugati ma con sole figlie, nonché un Giorgio del fu Antonio Testini (m. 1756) marito di Domenica fu Lorenzo Scarinzi, onde il figlio Lorenzo. originari senza dubbio del territorio dell'allora comune di Montagna.

TESTONI
Nel 1754 a Piazzalunga un Pietro Tinelli con moglie e due figli, uno dei quali, Lorenzo, il 16.VII.1759 sposava Ilaria Coppa della Pioda.

TOGNANA
Una famiglia Tognana è censita ai Cavallari nel 1853 con Rosa Martinelli, vedova di Lorenzo e figli. Originari della Val Chiavenna?

TOGNANDA
A Scheneno nel 1754 un'unica famiglia facente capo a un Tomaso del fu Domenico. Una Margherita fu Domenico, data di nascita 8.IV.1796, andava sposa a un Pietro Flematti il 21.IX.1818.

TOGNARDELLI
Nel 1631 tra i vicini di Piazzalunga, Quadra de Segafenis, i Tognardelli (ma anche Tognardi). Nel 1754 le famiglia di Battista fu Bernardo (m. 1758), del fratello Lorenzo e dei fratelli Antonio e Bernardo fu Pietro. Il 12.IX.1854 moriva un Lorenzo Tognardelli Fopalli e, nel 1853, vivevano in Piazzalunga delle sorelle Tognardelli quali ultime rappresentanti adulte dell'agnazione e i figli minori di un Pietro, viventi con la madre Domenica Derada.

TOGNAZZI
Francesco Tognazzi di Polaggia ma abitante ad Ardenno il 2.VI.1765 sposava Anna Maria fu Antonio Giambelli abitante ai Calgheroli.

TOGNINALLI
Il 17.IV. 1792 Maria fu Giuseppe Togninalli di Polaggia abitante ai Calgheroli sposava in seconde nozze tale Domenico Ferretti abitante in Ardenno.

TOGNOLATTI
Un Giovanni fu Giovanni Tognolatti di Buglio il 20.X.1777 prendeva in moglie Domenica fu Giacomo Boiani del Gaggio ove la famiglia Tognolatti prese stanza; nel 1853 vivevano Giovanni detto Susa ei i figli Giovanni, data di nascita 30.X.1838 e Giuseppe, data di nascita 17. VI.1834.

TORRI
Pietro di Tomaso "di Genova" il 29.1.1823 sposava Anna Maria di Giacomo Mossini del Gaggio ove la famiglia Torri venne ad abitare; Pietro viveva nel 1853 coi figli Giuseppe, data di nascita 25.I.1831, marito poi di Maddalena Venturini, e Pietro, data di nascita 7.I.1833.
TROMBÈ (O TROMBERI) Nel 1764 ai Calgheroli la famiglia di Gio. Antonio fu Giovanni Trombè (m. 1757) con moglie, figlia e figlio Lorenzo (m. 1761) sposato con una Giovanna de Bonomis di Buglio dalla quale non ebbe figli.

TUCCI
Da Foligno, secolo XX.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

U

-

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

V

VANINI
Un Domenico Vanini (1783-1862) viveva nel 1853 alla Pioda con la moglie e i figli.

VANOSSI
Nel 1754 ai Cavallari un Giovanni fu Pietro e altro Giovanni suo nipote ex fratre. Originari della Val Chiavenna?

VANOTTI
Da Bergamo nel secolo XX.

VENTURINI
Una Maria vedova di Pietro Scarinzi detto Lisso il 7.VIII.1808 partorì un figlio naturale battezzato Gio. Maria e che ottenne il cognome Venturini. Visse poi al Gaggio ove aveva sposato Teresa di Battista Mescia.

VERGA
Famiglia stanziata al Masino coi fratelli Giovanni, fattore in casa Guicciardi, e Angelo, possidente, del fu Pasquale coniugato il 21.IX.1824 a Scsino di Muronico con Giuseppa Sassi dalla quale ebbe l'erede Baldassarre Pasquale che nel 1853 era marito di una Maria Innocenti.

VETTOVALLI
Maria fu Lorenzo Vettovalli di Caiolo, ma abitante in Ardenno, il 4.XII.1789 andava sposa a Pietro Pedrotti del Boffetto, pure abitante in Ardenno.

VIGANÒ
Da Besana Brianza nel secolo XX.

VISMARA
Un Costante Vismara, sposando il 30.1.1861 Maddalena Innocenti, prende domicilio al Gaggio.

VIVIANI
I fratelli Gio. Francesco e Nicolò dei fu mastro Francesco Viviani prendevano rispettivamente in moglie il 3.II.1760 una Caterina Mainetti abitante ad Ardenno e il 17.VIII.1763 Maria del fu Giovanni Coldini di Scheneno. Una Maria fu Nicolò Vivianì abitante ai Cavallari il 7.XII.1823 andava sposa a tale Andrea fu Domenico Bonini.

Vai a: A  B  C  D  E  F  G  H  I  K L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z

 

Copyright © 2003 - 2019 Massimo Dei Cas La riproduzione della pagina o di sue parti è consentita previa indicazione della fonte e dell'autore (Massimo Dei Cas, www.paesidivaltellina.it)

Copyright © 2003 - 2019 Massimo Dei Cas Designed by David Kohout