ESCURSIONI A POSTALESIO - APRI QUI UNA GALLERIA DI IMMAGINI - CARTA DEL PERCORSO

Punti di partenza ed arrivo
Tempo necessario
Dislivello in altezza
in m.
Difficoltà (T=turistica, E=escursionistica, EE=per escursionisti esperti)
Postalesio - Ca' Moroni
1 h e 20 min.
390
E


Ca' Moroni

Il nucleo di Ca’ Moroni, posto, a mezza costa (m. 833), sul versante a monte di Postalesio, leggermente spostato verso est, rappresenta sicuramente il più interessante fra gli antichi nuclei rurali nel territorio di questo comune. In passato venne abitato da gente di Castione, che poi si trasferì più in basso, nella frazione Vendolo (termine che deriva da una voce preariana che significa “frana”). Oggi alcune baite riadattate offrono un’amena villeggiatura nella bella stagione o nei periodi di vacanza, ma, per il resto dell’anno, la solitudine regna sovrana sul bel poggio prativo che ospita le case antiche. La salita da Postalesio a Ca’ Moroni offre l’occasione di una bella passeggiata, godibilissima in primavera ed autunno, soprattutto da parte di coloro che amano abbinare i passi ai pensieri, o ricercano la possibilità di immergersi nelle atmosfere di una civiltà contadina ormai interamente consegnata al passato. Vediamo come è possibile effettuarla.


Apri qui una fotomappa del versante retico di Postalesio e Castione Andevenno

Lasciata la ss. 38, sulla sinistra (per chi procede in direzione di Sondrio) all’ultimo svincolo prima del dosso che segue al curvane dopo S. Pietro di Berbenno (segnalazione per Postalesio), saliamo in automobile verso il centro del paese. Appena prima del ponte sul torrente Caldenno, accostiamo a destra, e lasciamo l’automobile al parcheggio del cimitero (m. 450), per poi incamminarci verso il paese. Superato il ponte, ignoriamo la strada che si stacca sulla destra dalla strada principale; pochi passai più avanti, lasciamo anche questa strada, che volge a sinistra, per salire, procedendo diritti, su una via che, dopo pochi metri, conduce ad una piazzetta, dove una lapide ricorda il partigiano Emilio Allodi, ucciso il 10 novembre 1944.
Invece di impegnare la scalinata che ci sta di fronte, proseguiamo nella salita a destra, fino ad intercettare, dopo un tornantino a sinistra, la strada principale, a monte della chiesa parrocchiale di S. Antonio. Non procediamo, però, su questa strada, ma imbocchiamo, sul suo lato opposto, una scorciatoia che ci permette di tagliar fuori il successivo tornante sinistrorso. Intercettata nuovamente la strada che sale verso le Piramidi e la località Pra’ Lone, la attraversiamo una seconda volta, imboccando, presso un piccolo lavatoio, un tratturo in cemento, che sale fino ai ruderi di alcune baite in località Gandelli. Qui lascia il posto ad un sentiero che passa a sinistra e quindi a monte di un rudere isolato e, dopo un paio di tornantini, prosegue nella salita sul lato destro di un vallone. In questa zona la vegetazione caotica e disordinata segnala le conseguenze rovinose di un incendio. Incontriamo alcune frecce gialle, che ci aiutano a non perdere una traccia non troppo marcata, che volge leggermente a destra, fino a raggiungere due ruderi di baite isolate (640 metri), dove ci raggiunge, da sinistra, una brevissima pista che si stacca da un tornante sinistrorso della strada asfaltata che sale verso le Piramidi e Pra’ Lone.
Il sentiero passa a monte delle baite e prosegue verso nord-est, raggiungendo ben presto un bivio: ignoriamo il sentierino che prosegue, delimitato da un muro a secco, diritto, con andamento pianeggiante, e prendiamo a sinistra, salendo per una più larga mulattiera con il fondo piuttosto sporco. In breve siamo alla cappelletta di quota 680, posta sul lato sinistro della mulattiera. Dopo la cappelletta inizia una serie di tornantini, spesso sostenuti da muretti a secco, in un bel bosco di castagni, con qualche pino solitario. A quota 740 intercettiamo una mulattiera che proviene da sinistra, in corrispondenza di una baita isolata. Superato, infine, un baitello a monte della mulattiera ed un tratto piuttosto sporco (alcune piante ostruiscono il sentiero e vanno aggirate a monte o a valle), usciamo, infine, dal bosco in prossimità del lato occidentale delle baite di Ca’ Moroni.
Dopo un ultimo sforzo, ci congiungiamo con la pista che, da sinistra, raggiunge la frazione, staccandosi dalla strada asfaltata per Pra’ Lone in corrispondenza di un tornante sinistrorso. Sul lato opposto della pista la mulattiera continua a salire, sempre in direzione nord-est, e porta a Pra’ Lone. Dopo aver effettuato una diagonale verso nord-est, piega leggermente a sinistra e propone una serie di tornantini, che ci portano sul filo di un dosso. Dopo un tratto pianeggiante, ci ritroviamo sotto le baite più orientali del maggengo: proseguiamo verso destra, per poi piegare a sinistra, seguendo la traccia più larga ed ignorando un sentiero che prosegue diritto nel bosco. Dopo qualche tornante, intercettiamo, infine, la nuova pista che dal limite orientale di Pra’ Lone si addentra nella valle del Boco (o Bocco: il termine deriva da “sbocco” o, più probabilmente, da “bocc”, ariete), passando per Ginebrè. Pochi passi verso sinistra, e siamo ai prati del maggengo.
Ma torniamo a Ca’ Moroni, ed iniziamo una visita alle baite della località, che regala diversi scorci suggestivi. Possiamo scovare, in particolare, un dipinto sul muro di un rustico antico, che presenta anche un portale a sesto acuto. Purtroppo il dipinto è in parte deteriorato, ma vi si distingue ancora una Madonna che tiene in una mano il rosario e nell’altra il Bambin Gesù, il quale, a sua volta, ha in una mano il globo che rappresenta il mondo. Il maggengo ci propone anche un panorama assai interessante su una sezione importante delle Orobie centrali. Dopo il meritato riposo, imposto da un’ora o poco più di cammino (necessario per superare 390 metri circa di dislivello), ci incamminiamo sulla via del ritorno, che, in alternativa a quella di salita, può essere la seguente.
Portiamoci fino al punto in cui la pista che raggiunge dalla strada asfaltata Ca’ Moroni termina in uno spiazzo, poco oltre il limite orientale delle baite del maggengo. Sotto lo spiazzo si apre un ampio corridoio disboscato, che scendiamo tenendone il centro, fino ad un punto in cui il corridoio si fa più stretto e pianeggiante. Proseguendo diritti, ci ritroviamo su una mulattiera che scende verso sud-ovest, tenendo più o meno il filo di un dosso, fra muretti a secco, in un bel bosco di castagni. Per un tratto la mulattiera scende sulla sinistra di un canalone da strascico, fino ad un bivio: il ramo di destra, più lungo ma più tranquillo, prosegue nella discesa per un tratto verso destra, poi svolta a sinistra e torna sul filo del dosso; il ramo che prosegue diritto, invece, ha un fondo irregolare, ostruito da alcuni massi.
I due rami si congiungono più in basso e, dopo una svolta a sinistra ed una nuova svolta a destra, raggiungiamo una pianetta a monte di un modesto poggio boscoso, apparentemente insignificante, ma in realtà di grande interesse storico, in quanto l'Orsini ed il Moroni hanno ipotizzato l'antichissima presenza di un castelliere proprio su questo dosso. Un castelliere è, in un certo senso, l'antenato del castello: si tratta di un piccolo villaggio fortificato, costituito da una torre centrale e da una cerchia di mura, di cui sono rimaste tracce, che rimandano ad epoche preistoriche, nell'Istria e nella Venezia Giulia. In epoca romana queste strutture furono utilizzate come fortilizi, spesso trasformati, infine, in epoca medievale, nei più conosciuti castelli. Se l'Orsini ed il Moroni hanno ragione, dunque, questo poggio era abitato già sin dalla fine dell'età della pietra.Il primo si basa soprattutto su considerazioni toponomastiche: i termini "caslìr" e "postàl" in Trentino designano i castellieri della Valle dell'Adige; dalla medesima radice, dunque, deriverebbe "Postalesio", con il significato di località in prossimità di un castelliere preistorico. Anche Castione potrebbe avere un etimo simile (questa volta, però, evidentemente dal latino "castrum", accampamento, luogo fortificato). Il Moroni si basa, invece, su considerazioni legate alla natura del luogo, e scrive: "Tra Castione e Postalesio, precisamente duecento metri ad ovest del Vendolo, notasi un'altura di probabile origine morenica con i fianchi rivestiti di castani e betulle, mentre la sommità è parzialmente disseminata di abeti. Un comodo sentiero da Vendolo in dieci minuti porta su questa altura a 530 metri sul livello del mare... dove con sorpresa notai che la sommità, invece di essere tondeggiante, era perfettamente spianata formando all'incirca un rettangolo con centocinquanta metri di lato est-ovest per cento. A settentrione erano disseminati numerosi abeti, mentre il resto del piano era prativo con ai lati poco sottobosco. Pensai lungamente al motivo di una simile spianata e chi poteva averla compiuta. Il piano attuale si era ottenuto sbancando circa cinquantamila metri cubi di materiale morenico di non facile escavazione." Il brano è citato da un articolo di
Rinaldo Rapella su "Le vie del Bene", il quale aggiunge : "Prosegue il Moroni osservando anche la presenza di muri a secco, di grossi massi provenienti dallo sfacelo d'una antica muratura che si dimostra maggiormente robusta là dove più facile è l'accesso al pianoro. Da queste e da altre constatazioni il Moroni avanza l'ipotesi che su questo pianoro esistesse un antico castelliere".
Ma torniamo alla nostra camminata. Dopo una breve digressione per verificare la fondatezza di questa suggestiva ipotesi (o semplicemente per gustarne la suggestione), torniamo sui nostri passi. Al piede settentrionale del poggio si trova un trivio: un sentiero prosegue verso sinistra, e raggiunge la località Véndolo (in comune di Castione), uno scende diritto, fino alla località Guasto (sempre in comune di Castione), ed una pista, infine, giunge alla pianetta salendo da destra.
Fin qui la discesa da Ca’ Moroni ha seguito, più o meno, il confine fra i comuni di Postalesio e Castione. Ora siamo nel territorio del comune di Castione, e dobbiamo prendere a destra, imboccando la pista che scende
alla strada provinciale fra Postalesio e Castione. La pista si congiunge con una pista che scende da destra, prima di raggiungere la strada provinciale, che percorriamo verso destra, rientrando nel territorio del comune di Postalesio. Raggiungiamo, così, il limite orientale del paese e ci ritroviamo sulla strada principale che sale verso il centro: scendendo verso sinistra, siamo, in breve, al parcheggio del cimitero, dove abbiamo lasciato l’automobile. Si chiude così questa interessante passeggiata, che richiede circa un paio d’ore di cammino (il dislivello in salita è di 390 metri).

CARTA DEL PERCORSO sulla base della Swisstopo, che ne detiene il Copyright. Ho aggiunto alla carta alcuni toponimi ed una traccia rossa continua (carrozzabili, piste) o puntinata (mulattiere, sentieri). Apri qui la carta on-line

GALLERIA DI IMMAGINI

ESCURSIONI A POSTALESIO

Copyright 2003-2017: Massimo Dei Cas

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas Designed by David Kohout