ESCURSIONI A POSTALESIO - APRI QUI UNA GALLERIA DI IMMAGINI - CARTA DEL PERCORSO


Apri qui una fotomappa del versante retico di Postalesio e Castione Andevenno

Punti di partenza ed arrivo
Tempo necessario
Dislivello in altezza
in m.
Difficoltà (T=turistica, E=escursionistica, EE=per escursionisti esperti)
Parcheggio delle Piramidi - Pra Lone
1 h
330
T


Pra' Lone

Pra Lone è un bellissimo maggengo di media montagna, posto a quota 1028, sopra Postalesio, sul largo dosso che dal monte Caldenno (m. 2669) scende fino all’ampio conoide di deiezione sul quale è posto il paese. Lo raggiunge una strada asfaltata che sale direttamente dal centro del paese, ma vale la pena di raggiungerlo a piedi, anche per gustare la bellezza dei boschi che ricoprono la parte bassa del dosso.
Possiamo lasciare l’automobile al parcheggio di quota 740 metri circa, all’undicesimo tornante, destrorso, sulla strada per il maggengo dopo la frazione più alta di Postalesio. Il parcheggio ospita i veicoli di chi si reca a visitare la celebre formazione naturale delle piramidi di Postalesio, che si trovano lì vicino. Dal parcheggio possiamo cominciare la salita lungo due itinerari. Il primo prevede una visita alle piramidi, poste in una fascia soggetta ad erosione posta immediatamente a valle della località Il Prato, a pochi passi dal parcheggio. Un sentierino protetto ci permette di osservare i caratteristici torrioni sormontati da massi, da diverse prospettive, cioè da nord e da ovest. Più in basso il sentierino si interrompe per un breve smottamento.
Risaliamo al limite del prato e, invece di tornare al parcheggio, percorriamo il sentierino che corre a ridosso del limite del bosco, passando per le alcune baite. Pieghiamo leggermente a destra e cominciamo a salire nei boschi posti a monte del Prato, mantenendo la direzione nord-est (destra; ignoriamo una deviazione a sinistra). Attraversato uno splendido bosco, raggiungiamo alcune baite, oltrepassate le quali, in corrispondenza di una fontana, intercettiamo la strada asfaltata che dal parcheggio prosegue verso Pra Lone. La seguiamo per un tratto, per poi lasciarla di nuovo, riprendendo la mulattiera che se ne stacca, sulla sinistra, e prosegue la salita nei boschi. Siamo sempre all’interno della riserva naturale delle piramidi di Postalesio.
Dopo un ultimo tratto, nel quale il sentiero è interrotto da uno smottamento (che possiamo bypassare a monte, sulla destra), intercettiamo una pista sterrata. Si tratta della pista che, più in basso, si stacca dalla strada sterrata in corrispondenza dell’ultimo tornante prima di Pra Lone. Seguendo la pista verso sinistra, in salita, in breve siamo al gruppo di baite di Pra Montesanto (m. 1027), località detta anche "Ai Santi" e già nettamente individuabile, guardando a nord, dalla località Il Prato. La pista termina poco oltre le baite, laddove il crinale comincia a scendere decisamente nel cuore della valle di Postalesio, che delimita ad ovest il largo dosso che stiamo risalendo. La zona è brulla e desolata, ma non priva di fascino.
Torniamo ora sui nostri passi, alle baite: appena a monte, sul limite del bosco, troviamo un sentiero. Seguiamolo e riprendiamo a salire verso destra, fino ad intercettare la pista sterrata che da Pra Lone sale all’alpe Colina. Una breve discesa, verso destra, ci porta alle baite del maggengo, dopo una camminata di circa un’ora (il dislivello superato in salita è di circa 330 metri).

Un secondo itinerario passa, invece, per il maggengo di Ca’ Moroni (m. 832), che dista circa 1,3 km dal parcheggio. In questo caso dal parcheggio delle Piramidi proseguiamo seguendo la strada asfaltata, che sale con una pendenza abbastanza decisa, fino a trovare, ad un tornante sinistrorso, la pista che se ne stacca, sulla destra. Un cartello segnala che la pista conduce a Ca’ Moroni. Percorrendola, in breve siamo al maggengo, un gruppo di baite posto nei pressi del limite orientale del dosso.
Si tratta di una località di grande suggestione, ben conservata. Su una baita possiamo anche osservare i resti di un affresco. Da Ca’ Moroni parte (in basso, sulla destra), un sentiero che, scendendo verso destra (sud-ovest) termina alla frazione più alta di Postalesio. Un secondo sentiero, pianeggiante, parte dalla parte bassa del maggendo, verso est, e giunge ad intercettare la mulattiera che sale lungo il filo del bellissimo dosso che separa la parte orientale di Postalesio dalla località Vendolo (che appartiene al comune di Castione).
Noi dobbiamo, però, seguire un terzo sentiero, che sale a Pra Lone. Lo troviamo a monte della piazzola nella quale termina la pista sterrata, poco oltre le baite. Il sentiero sale, ripido, fra alcuni muriccioli in pietra, fino ad intercettare un secondo sentiero che proviene da sinistra, e conduce al limite orientale di Pra Lone, in corrispondenza della baita che si trova sul primo tornante destrorso della pista Pra Lone-Alpe Colina.
Il sentiero, però, non si interrompe qui. Un ramo, sulla sinistra rispetto alla baita, sale verso l’alpe, intercettando in diversi punti la pista. Un secondo ramo, a destra della baita, prosegue, quasi pianeggiante, verso il cuore ombroso della valle del Bocco (percorsa dal torrente omonimo, detto anche Vendolo (termine che deriva da una voce preariana che significa “frana”). Dopo una lunga traversata del boscoso versante occidentale della valle, raggiunge l’alpe Mangingasco, a quota 1500. Il tracciato della mulattiera corrisponde, nel tratto Pra Lone-Alpe Mangingasco, al confine fra i comuni di Postalesio e Castione Andevenno.
Dal parcheggio delle Piramidi a Pra Lone, per questo secondo itinerario, si calcolino circa 50 minuti di cammino, necessari per superare un dislivello approssimativo di 280 metri.
Chi volesse, infine, salire al maggengo in mountain-bike tenga conto che la strada ha una pendenza abbastanza marcata e che Pra Lone dista circa 6 km dal centro di Postalesio.

CARTA DEL PERCORSO sulla base della Swisstopo, che ne detiene il Copyright. Ho aggiunto alla carta alcuni toponimi ed una traccia rossa continua (carrozzabili, piste) o puntinata (mulattiere, sentieri). Apri qui la carta on-line


GALLERIA DI IMMAGINI

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas Designed by David Kohout