Carta del territorio
Campane su YouTube: Somaggia, Era di Samolaco 1, 2, 3; San Pietro di Samolaco 1, 2

Samolaco. Terra di confine e di incontri, alle porte della Valchiavenna. Qui le alpi Lepontine vengono a spegnersi precipitando, quasi, nella bassa piana della Mera, faccia a faccia con le alpi Retiche, che mostrano il loro volto più aspro e selvaggio, ed insieme solare, nel versante orientale della Valchiavenna. Qui le estreme propaggini del lago di Como si incontra(va)no con la piana posta sul limite meridionale della Valchiavenna: Samolaco, appunto, da “summo lacu”, “alla sommità del lago”, e così era in passato, prima che disastrose alluvioni portassero, nel 1520, alla separazione dell’attuale lago di Novate Mezzola dall’alto Lario ed allo spostamento a sud della sua estremità superiore.
Qui celebrano le loro eterne nozze acqua e terra, in un connubio che è insieme esplosione di aspri dissidi e tessitura di profondissime armonie: le abbondanti precipitazioni (oltre 3000 mm annui) regalano al versante montuoso di Samolaco una straordinaria ricchezza di corsi d’acqua e sorgenti, che, insieme all’azione dei ghiacciai del quaternario, terminata 30.000 anni fa, ne hanno modellato la ricca venatura di valli e vallecole ed il ritmico alternarsi di colline moreniche presso il piano.
Qui la civiltà della parola ha disegnato uno dei più singolari confini fra le parlate del “bric(h)’” (così suona il “no” sul lato occidentale della Mera) e del “minga” (il diniego sul lato orientale del fiume), confine forse meno perentorio di quanto comunemente si crede, ma di certo ben radicato nell’immaginario popolare.
Qui la storia di grandi movimenti d’arme, dalla calata del Barbarossa a quella delle dei Lanzichenecchi nella funesta guerra dei Trent’Anni, si è incontrata, come una tangente incontra una curva, toccandola, solo, senza reciderla, con i quieti e faticosi ritmi di un’antichissima civiltà contadina, impegnata a ritagliare all’uomo spazi e nicchie di vita rinserrata fra il monte, severo e talora aspro, e la piana, malsana. Di qui passava l’antichissima strada regia (poi denominata “Regina”) che da Como saliva a Chiavenna, per poi valicare le alpi e portare a Coira: vi transitavano, incrociandosi, incontrandosi, mercanti, pellegrini, soldati.
Qui la fede cristiana si è, per la prima volta, incontrata con i remotissimi culti dei “pagi”, attraverso la figura del martire Fedele, soldato della legione Tebea martirizzato nel 298 d.C. in località Torretta. Qui il curioso camminatore può incontrare i molteplici segni di una vita al cui ricordo siamo forse ancora affezionati, come il vivente può essere affezionato a ciò che non vive più.
La storia. In origine il termine Samolaco si riferiva ad un nucleo di pescatori posto sulla rive settentrionali del Lario, probabilmente poco distante, ad ovest, degli attuali resti della chiesa di S. Giovanni all’archetto, di origine romanica (fu edificata probabilmente intorno al 1000). Ne parla già un resoconto di viaggio di Antonino Pio, imperatore romano dal 138 al 161 d.C., e lo citano documenti successivi, nelle varianti di Summus lacus, Summolaco, Somolego, Semolego e Samolico. Nel Medioevo Samolaco fu importante pieve (cioè circoscrizione religiosa che unificava più parrocchie, ma anche unità amministrativa): da un documento del 1213 risulta che essa comprendeva, nella piana della Mera, tutte le terre, sia a monte che in piano, tra il Pizzo e il Pozzo di Riva; di questo territorio una parte era assegnata al vescovo di Como, e prese poi il nome di piano di Chiavenna, l’altra, a sud, prese poi il nome di piano di Mezzola. Della pieve di Samolaco facevano parte anche Gordona e Colorendo. Essa, a sua volta, apparteneva alla porta San Lorenzo, insieme alle pievi di Sondrio, Berbenno, Chiavenna, Ardenno, Olonio. Nel secolo successivo, però, e precisamente nel 1335, con la dominazione dei Visconti, che erano divenuti signori di Como, fu assorbita da Chiavenna. Un documento del 1436 attesta che l’“universitas loci et territori Semologo, Vallis Clavenne” faceva ormai parte, amministrativamente, della Valchiavenna.
È proprio in questo secolo che Samolaco, come nucleo a sé stante, scomparve, probabilmente per le conseguenze di violenti fenomeni di origine alluvionale (frane e smottamenti) provocati dai torrenti Casenda e Meriggiana. Di questa scomparsa parla anche Giovanni Guler von Weinceck, governatore di Valtellina per le Tre Leghe nel 1587-88 ed autore di una nota descrizione di Valtellina e Valchiavenna edita a Zurigo nel 1618, con il titolo di “Raetia”. Scrive, al riguardo: “Proseguendo verso nord s’incontrano le rovine di un borgo, in antico assai rinomato, detto Samolaco: che significa all’estremo del lago… Di Samolaco fa menzione Antonino Augusto nel suo itinerario, dove egli scrive che da Muro, nella Pregaglia, sino a Samolaco corrono venti miglia latine; e da Tarvesede, nella Val S. Giacomo, a Samolaco ben venticinque miglia. In antico questo paese fu assai fiorente; ma nel Medio-evo le intemperie e le altre cause aprirono a poco a poco, in alto sul monte, un pauroso scoscendimento che di quando in quando franava in basso, non cessando la sua opera deleteria sino al giorno in cui col pietrisco minuto, con ciotoli e con enormi macigni distrusse totalmente ogni edificio del borgo: così che oggi si può scorgere a mala pena dove il paese sorgesse. Restano soltanto, sul posto dell’antica Samolaco, i ruderi di alcune torri ed una parte della chiesa che era stata eretta in onore di S. Giovanni. In questo luogo fu martirizzato S. Fedele dai sicari di Massimiano". 
Dopo la rovina del nucleo originario, il termine “Samolaco” passò a designare l’insieme, l’intarsio, si potrebbe dire, dei nuclei posti a nord-ovest, nord e nord-est di quello originario, che incontriamo percorrendo l’attuale strada provinciale Trivulzia che corre parallela alla ss. 36 dello Spluga sul lato occidentale della piana della Mera. Nel secolo XV sono già attestati, infatti, gli abitati di Monastero, Sorboggia, Silvaplana, Paiedo, L’Era, Ronco, Roncilione (Ronscione), Fontanedo, Pozzolo, Bedolina, Nogaredo, Casenda, del Manco, Cusciago, del Bono, Pedemonte, Cadampino, Casaccia, Cesura. Ronscione e Monastero formavano una vicinanza a sé, con propri boschi e alpeggi, e proprie adunanze.
Il comune di Samolaco compare per la prima volta in un documento del 1301 insieme a quelli di Chiavenna, Mese, Prata, Valle  (Val San Giacomo), e viene citato negli Statuti di Como del 1335 come “comune loci de Somologo”. Sulla base dei suoi ordinamenti, capo della comunità (cfr. Le istituzioni storiche del territorio lombardo -XIV-XIX secolo- citato in bibliografia) stava il console, eletto dai capifamiglia, durava in carica un anno, proveniva di volta in volta dalle diverse frazioni, convocava e presiedeva i consigli, riscuoteva e amministrava le entrate e rappresentava il comune nei consigli di giurisdizione e di contado. Era assistito, nella sua opera di governo, dai maggiorenti delle principali frazioni, che si riunivano, con intervento del notaio, a Silvaplana (l’attuale San Pietro). Si riuniva, inoltre, periodicamente anche un consiglio generale degli uomini del comune o del popolo di Samolaco, che era formato dai capifamiglia del comune, i quali erano convocati dal console nella piazza “avanti la chiesa di Sant’Andrea”, per discutere ed approvare le questioni fondamentali della vita della comunità: l’elezione del console e del consiglio di comunità, l’incanto per il dazio del pane, l’affitto dei beni comunali, la lettura degli ordini comunali.
Il consiglio generale decideva anche in alcune materie di culto ed eleggeva il consiglio di comunità di Samolaco, il quale, a sua volta, provvedeva all’elezione degli ufficiali (officiali) di comunità: tre stimatori (uno per terziere) “per formare le liste e cavare li conti”; due provisionari, con il compito di controllare il peso del pane; tre deputati alle strade; tre deputati, uno per terziere, “per limare li denti alle capre” (cima-denti); i campari (uno per squadra, ma due per Paiedo); i sindaci delle chiese di San Pietro, Sant’Andrea, San Giovanni Battista, i priori delle scuole del Rosario di Paiedo e della scuola del Carmine di Sant’Andrea; i canepari, esattori delle taglie e delle im­poste eletti in rappresentanza dei singoli quartieri. La validità dell’assemblea era condizionata dalla presenza della “maggior parte” dei capi­famiglia.

[torna all'indice di pagina]

Modesto era il rilievo economico di Samolaco agli inizi del Cinquecento: gli estimi ne valutavano il “reddito” in 2 lire, decisamente inferiore a quello dei vicini comuni di Mese e Prata (entrambi con 13 lire) e di Gordona (12 lire). Un’economia, dunque, di sussistenza o poco più, centrata sulla coltivazione del castagno e di orzo, miglio, segale, panìco e legumi, cui si univa l’essenziale integrazione dei latticini e della carne degli animali allevati; del resto, ancora al tempo dell’inizio della dominazione viscontea, nel 1335, la totalità della popolazione apparteneva al ceto dei servi della gleba o al più a quello degli artigiani, mentre assenti erano i nobili.
Gli inizi del Cinquecento segnarono, però, un momento di fondamentale importanza per questa terra: proprio nel 1500 i Francesi si impadronirono di Milano ed estesero per dodici anni il loro dominio sulla Valchiavenna. Gian Giacomo Trivulzio, condottiero al loro servizio, venne nominato conte di Chiavenna e promosse un ampio lavoro di bonifica del piano di Samolaco, facendo scavare due canali dal lago verso nord per lo scolo delle acque e la canalizzazione del basso corso dei torrenti Boggia e Mengasca. Si costituì, così, sui terreni bonificati, un’ampia fattoria che venne denominata “La Trivulzia”. Nel 1512 ai Francesi si sostituirono le Tre Leghe Grigie, signore di Valtellina e Valchiavenna fino al 1797, e la meritoria opera si interruppe: erano, però, poste le basi per un primo moto di spostamento al piano di parte della popolazione contadina, anche perché i Grigioni concessero, nel 1541, la Trivulzia in enfiteusi perpetua ai comuni della valle, suscitando le proteste del Vescovo di Como.
Della Trivulzia e del suo progressivo degrado parla, nella già citata “Raetia”, anche Giovanni Guler von Weinceck, scrivendo: “Tornando dalla montagna verso il piano, vediamo sorgere alcune case, dette la Trivulzia, perché furono costruite da G. Giacomo Trivulzio, per lo sfruttamento della vasta pianura circostante, la quale allora era pingue ed asciutta, mentre in seguito si ricoprì in parecchi punti di canneti, di muschi e paludi. Dal lago giunge fino alla Trivulzia un canale navigabile: per cui si può accedervi tanto per terra che per acqua. Qui ancora il Trivulzio, usufruendo di questi ottimi pascoli, teneva un allevamento di stalloni e cavalli. Ma quando questi terreni pervennero nelle mani dei Grigioni, il canale, di cui non c’era più bisogno, si interrò e le fattorie caddero in rovina.”
La collocazione della Trivulzia, però, potrebbe anche essere diversa: forse coincide con l'ampia piana più a sud, denominata "prèe dal pòort", fra la frazione di Nogaredo e la Mera. Quel che è certo è che il Trivulzio pensò di sfruttare la tenuta anche a fini militari, introducendovi l'allevamento di una razza pregiata di cavalli andalusi, che fu, molto dopo, incrociata con quella avelignese dell'Alto Adige, dando origine al pregiato ceppo "Samolaco-avelignese" che è uno dei vanti locali.

[torna all'indice di pagina]

Nel secolo successivo, il Seicento, la vita della comunità fu segnata dai grandi eventi che toccarono ed anche sconvolsero le valli dell’Adda e della Mera, soprattutto durante la rovinosa Guerra dei Trent’Anni, che le vide per un lungo periodo al centro delle contese geopolitiche fra l’asse cattolico dell’Impero asburgico e della Spagna, da una parte, e l’alleanza fra protestanti e Francia, dall’altra. Le due forze si contendevano il controllo strategico delle vie di accesso dal milanese ai territorio di Germania e parte del loro confine coincideva proprio con quello meridionale di Samolaco: il comune, infatti, dal 1512 era, con Valtellina e Valchiavenna, possesso delle Tre Leghe Grigie, di confessione riformata ed alleate della Francia, mentre a sud del confine, che passava per la Val della Porta e saliva fino alla cima del monte Belinghera (m. 1930), si aprivano i possessi del Ducato di Milano, dominato dagli Spagnoli. La popolazione contadina si strinse alla sua terra, sul versante montuoso, fra Paiedo, Piazzaberdogna e Sorboggia, mentre il piano era percorso dalle soldatesche delle due parti ed interessato a fatti d’armi anche importanti, come l’assedio al forte spagnolo di Riva.
Il punto più basso di questo periodo oscuro coincise certamente con la calata dei famigerati Lanzichenecchi (mandati dall’imperatore Ferdinando II per difendere i propri diritti sul Ducato di Mantova) lungo la Valchiavenna: costoro, nonostante fossero cattolici e portassero spesso al seguito le proprie donne e bambini, operarono tali razzie e violenze, durante la sosta che precedette la calata nel Milanese, da essere definiti, dal Lavizari, le soldatesche “più barbare e rapaci, che da molto tempo inondassero l’Italia”. L’esito più funesto del loro passaggio fu, però, la terribile epidemia di peste, descritta a Milano dal Manzoni, che infierì dal 1629 al 1631, riducendo, secondo alcuni, la popolazione di Valtellina e Valchiavenna a poco più di un quarto. La stima più attendibile parla, comunque, di una riduzione della popolazione della Valchiavenna da 18.000 a poco più di 8.000 abitanti.
Venne, infine, la sospirata pace, con il capitolato di Milano, del 1639, che sancì che “nella Valtellina e nei due contadi (sc. di Chiavenna e di Bormio) non vi dovesse essere altra religione, che non fosse la cattolica”.
Un quadro sintetico di Samolaco nella prima metà del Seicento è offerto dal prezioso manoscritto di don Giovanni Tuana (1589-1636, grosottino, parroco di Sernio e di Mazzo), intitolato “De rebus Vallistellinae” (Delle cose di Valtellina), databile probabilmente alla prima metà degli anni trenta del Seicento (edito nel 1998, per la Società Storica Valtellinese, a cura di Tarcisio Salice, con traduzione delle parti in latino di don Abramo Levi). Vi leggiamo: “La terza parochia del lato dritto si chiama Samolico, perché quivifinisce il Lario. Questa terra, se bene ha un decano, è però parte dellacommunità di Novato. È vicecura et la chiesa è di S. Pietro: ha alcune contrate alle radici del monte et nel monte ancora, verso Gordona, dalla quale dista quatro miglia: cioè Vigazolo, Casendro, Fiera (dov'è unmonticello con un oratorio di S. Andrea, dove altre volte v'era un castello delli Triulsi di Milano, nel qual luoco ancora, secondo la traditione dell'antico, v'era il tempio di Venere); Paié con l'oratorio di S. Francesco, in mezzo la montagna sopra Samolico, dal qual luoco per sentieri et longhi si va a Sorico; alla Triulsa, pallazzo altre volte, et cassine delli Triulzi di Milano, al qual loco con fosso fatto con mano s'arrivava con le navi sopra l'aque del Lario.
L'aria è cattiva: il territorio è assai fertile di grano et di castagne, nonperò di vino, essendo puoco et cattivo. A Samolico fu amazato dalli littoridi Diocletiano et Massimiano, imperatori, S. Fedele martire, il corpo delquale finanzi 700 anni fu transportato a Como da Ubaldo vescovo.
Tra Gordona et Samolico, a mezzo il monte, sopra una acuta rupe sivede una torre del pan perduto, quale serviva per avisar la città di Milanocon fumo et fiamma, notata nell'altre torri subsequenti di quella valle et del lago di Conio et del castello Baravetello [Baradello], sì che in termine d'un'hora si sapea se v'era qualche novità di guerra, o pericolo delli vicini Reti, over Francesi. Appresso questa torre scorre un grosso rivo dalla montagna, qual si chiama Boggia, nel letto del quale altre volte si cavava l'argento. Nel piano puoco lontano dalla Boggia, v'è Selvapiana con una chiesa di S. Pietro, quale appartiene a Samolico. Et con il territorio di Samolico finisce il contado di Chiavena nel fianco dritto della Mera.

[torna all'indice di pagina]

La ripresa demografica, dopo il tracollo dovuto alla peste, si fece sentire solo a partire dal Settecento, anche grazie all’introduzione dal milanese della viticoltura, della patata e del granoturco. Questo, detto dialettalmente “formentóom”, divenne ben presto un elemento fondamentale della civiltà contadina, ancora oggi spesso identificata con l’alimentazione a base di polenta; del resto, un antico detto popolare (cfr. Amleto Del Giorgio, Andrea Paggi nell’Inventario dei toponimi di Samolaco, citato in bibliografia) afferma “desc’ dòt puléent e pö l’è fésc’ta”, cioè “diciotto polente, poi è festa” (nel senso che per sei giorni si mangia polenta tre volte al giorno, poi viene la domenica). Queste brevi note sull’economia agricola di Samolaco non sarebbero complete senza la menzione dell’allevamento del baco da seta, introdotto nel Cinquecento, e di quello dei cavalli avelignesi, di cui sopra si è detto, apprezzati, per docilità e resistenza, soprattutto sui percorsi di montagna.
Fra Seicento e Settecento il comune di Samolaco si organizzò in terzieri: il terziere di sotto (o di San Pietro, dal 1719) era formato dalle squadre di Selvapiana e Monastero; il terziere di mezzo (o di Sant’Andrea, dal 1741) era for­mato dalle squadre di L’Era e Nogaredo, Fontana e Montenovo; il terziere di sopra, infine, era costituito da Paiedo.
Un quadro sintetico della situazione del paese a metà del settecento ci viene offerto dallo storico Francesco Saverio Quadrio, che, nell’opera “Dissertazioni critico-storiche intorno alla Rezia di qua dalle Alpi oggi detta Valtellina” (Edizione anastatica, Bologna, Forni, 1971), scrive: ”A chi giù naviga per l'Adda, gli si presenta davanti, Sommo Laco, come Antonino Augusto nel suo Itinerario l'appella, o sia Samolico, come corrottamente fu poi nominato, così detto perchè stà in capo del Lago, e giace a gradi 46. minuti 8. di latitudine secondo l'Anville. Le sue Vicinanze sono Vigazzolo, Gasenda, Era, Pajedo, Selvapiana, Monasterio, Rogoredo, Roncione, e Monte Novo. In Era era un Castello detto di S. Andrea, edificatovi dal Magno Trivulzio. Nel Monte Novo era pure una Torre Panperduto appellata, poco distante dal Fiumicello chiamato Bogia, che mette capo nella Mera: e nella Pianura son tuttavia molte Fabbriche, che si chiamano alla Trivulzia, per esser tutti que' Luoghi un tempo da esso Magno Trivulzio posseduti.
Poi, alla fine del Settecento venne la bufera napoleonica, che ridisegnò la carta politica dell’Europa. La Valchiavenna venne inserita nella Repubblica Cisalpina prima e nel regno d’Italia poi. Nell’assetto definitivo della repubblica cisalpina, del maggio del 1801, Samolaco era uno dei settanta comuni che costituivano il distretto III di Sondrio del dipartimento del Lario. Nel successivo regno d’Italia (1805), Samolaco venne ad appartenere al IV cantone di Chiavenna, come comune di III classe, che contava 1.321 abitanti. Nel 1807 figurava costituito dalle frazioni di San Pietro o Selvapiana (150 abitanti), Roncilione (125), Monastero (63), Schenone (41), Nogaredo (17), Era (44), Montenuovo (28), Fontanedo (25), Casenda (22), Vigazolo (36), Paiedo (176), Somaggia (95).

[torna all'indice di pagina]

Caduto Napoleone, la Valchiavenna fu inglobata nel regno Lombardo-Veneto, dominio degli Asburgo d’Austria. Samolaco era comune del VII distretto di Chiavenna e, nel 1853, con le frazioni di Somaggia, San’Andrea e Pajedo, contava 1179 abitanti. I nuovi dominatori promossero la costruzione della prima carrozzabile per lo Spluga (1818-1822), da cui trassero grandi vantaggi gli allevatori di cavalli di Samolaco. L’altra faccia della medaglia era, però, il temutissimo servizio militare nell’esercito imperiale, cui dovevano sottostare, per ben sette anni, i giovani sorteggiati, una vera iattura per le famiglie che si vedevano sottrarre per così lungo tempo una manodopera preziosissima. Dopo la seconda guerra di Indipendenza gli Austriaci furono cacciati dal milanese e nel 1861 venne proclamato il Regno d’Italia, nel quale entrò anche Samolaco, con i suoi 1305 abitanti.
La seconda metà dell’Ottocento, tuttavia, non fu facile per la comunità samolicana: anche per effetto di nuove tasse, la precarietà della situazione economica di molte famiglie determinò un’accelerazione del flusso migratorio, ora indirizzato verso le americhe, tanto che, come scrivono Amleto Del Giorgio, Andrea Paggi nell’Inventario dei toponimi di Samolaco (cfr. nota bibliografica), “negli ultimi decenni del secolo, si può dire, praticamente tutte le famiglie samolachesi avevano almeno un membro in America”. Il flusso emigratorio ebbe però un risvolto di cui tutti gli abitanti di Samolaco sono estremamente orgogliosi: Martino Illia partì da Ronscione, presso S. Pietro, per emigrare in Argentina nel 1882, dove divenne artigiano ed imprenditore; suo figlio, Arturo Umberto Illia, nato nel 1900, si laureò in medicina e nell'ottobre del 1663 divenne presidente della Repubblica Argentina. Purtroppo la sua presidenza fu prematuramente interrotta, nel giugno del 1966, da un golpe militare, ma lasciò un indelebile ricordo di onestà e rettitudine.
Le rimesse degli emigranti diedero un considerevole impulso all’economia del comune, così come un ruolo importante rivestirono l’arginatura della Mera, la costruzione della linea ferroviaria Colico - Chiavenna (1886) e quella del primo ponte sul fiume (póont de lera, chiamato anche ponte Nave, 1886). Qui, anticamente, il lago raggiungeva il suo punto più settentrionale, e di qui, dunque, passavano piccoli navigli (questo spiega la denominazione di ponte Nave). Nel medesimo periodo proseguì e venne completata la bonifica della piana della Mera (1880-1910).

[torna all'indice di pagina]

Il Novecento si aprì in un clima complessivamente positivo, cui contribuirono la costruzione della strada comunale Somaggia – Era - S. Pietro - S. Cassiano (1911) e l’apertura della latteria sociale. Samolaco contava, nel 1901, 1920 abitanti. Venne, però, ben presto la prima guerra mondiale, che si portò via 30 soldati di Samolaco; ancor più grave fu l’effetto della terribile epidemia di influenza spagnola che infierì subito dopo la sua conclusione (1818), mietendo diverse decine di vittime.
Sul monumento ai caduti in frazione Era sono riportati i seguenti nomi di caduti di Samolaco nella prima guerra mondiale: Andreoli Agostino, Andreoli Davide, Andreoli Colombo, Andreoli Giuseppe, Andreoli Edgardo Carlo, Andreoli Pio, Andreoli Senatore Lorenzo, Barilani Andrea, De Boni Andrea, De Boni Davide, Guglielmana Santino, Guglielmana Siro Antonio, Paggi Gottardo, Vener Andrea e Vener Guglielmo.
Sul medesimo monumento sono riportati anche i caduti nella seconda guerra mondiale: Andreoli Cristoforo, Andreoli Pio, Giovanetti Gaetano, Guglielmana Santino, Vener Primo, Vener Anilo, Vener Celestino, Venerr Launico; morirono, infine, per causa di guerra Andreoli Carlo, Andreoli Mario, Ciapusci Clino, Ciocca Lorenzo, Fallini Virgilio, Vener Lino e Vener Adolfo.
Sul monumento ai caduti in frazione San Pietro sono riportati i seguenti nomi di caduti di Samolaco nella prima guerra mondiale: Cerfoglia Luigi, Del Giorgio Anselmo, Falcinella Emilio, Illia Attilio, Patriarca Martino, Vanoni Battista e Bianchi Giuseppe. Sono commemorati anche i dispersi Del Giorgio Sirio e Dell'Acqua Sirio.
Sul medesimo monumento sono riportati anche i caduti nella seconda guerra mondiale: Brigatti Celestino, Del Fante Mosè, Del Fante Primo, Dell'Acqua Romeo, Dell'Acqua Samuele, Falcinella Lino, Falcinella Lorenzo e Falcinella Ubaldo. Sono, infine, commemorati i dispersi Scaramella Lorenzo e Zuccoli Luigi.
Negli anni venti l’emigrazione cambiò la sua direttrice: non più le Americhe, ma l’Australia.
Ecco come Ercole Bassi, nel “La Valtellina – Guida illustrata”, nel 1928 (V ed.) presenta Samolaco: “Lasciata Riva, si attraversa una lunga pianura, ai circa km. 8 per una larghezza media di km. 2, bagnata dal Mera, bonificata a cura di un Consorzio di terza categoria delle opere pubbliche I lavori di bonif. iniziati nel 1862 da Alb. Pestalozza di Chiavenna, su progetto dell'Ing. Guido Paravicini di Traona e direz. dell'Ing. Ces. Agostoni di Chiavenna, ultimati nel 1890, costarono al Consorzio L. 851.899 e allo Stato L. 400.000. Al centro dí essa vi è la stazione di Samólaco (da Summum lacum, vi si producono gerli). Samólaco è comune con diverse fraz., sede a S. Andrea, dalla quale una rotabile ombreggiata lunga km. 4,7, larga m. 4, conduce a S. Pietro (m. 242 - ab. 663-2355 - P. T. a S. Pietro - latt. soc. - coop. di lavoro). Il nome è segno che nei secoli scorsi il lago giungeva sino a questo punto; poi fu interrato dalle alluvioni del Mera. In questo comune meritano di essere veduti per il loro pregio artistico gli affreschi del battistero della chiesa di S. Andrea, a venti minuti sopra Era, e le pitture dell'abside della stessa chiesa, meno interessanti, con la firma: Ego Jo. Bapta Macolinus vallis S. Jacobi hoc opus pingenbam anno MDCXXXII. La chiesa è eretta sul colle di Montenovo, ove esistette un monastero di benedettine, poi castello vescovile.
Sopra S. Andrea vi è la frazione di Paiedo, la cui chiesa ha intagli di pregio nei confessionali e nel battistero, un calice, dono di Leone XII, un messale con preziose lastre d'argento offerte dagli emigrati a Napoli nel 1761. Nella vicina fraz. di Vigonova vi era una torre, abbattuta nel sec. sc. L'abside della chiesa è decorata da magnifici affreschi del 500, con la Passione; la lunetta sopra il portale è del Prevosti. Fra S. Andrea e S. Pietro fu nel 1910-11 su disegno dell'ing. A. Giussani costruita una bella chiesa, a tre absidi, di stile romanico-lombardo. Dalla frazione di Somaggia, posta sulla provinciale, e dove vi è la staz. ferr., una rotabile conduce a Era. Da S. Pietro una mulattiera conduce a Gordóna donde una rotabile, per Mese, in 4 km. porta a Chiavenna. Proseguendo la provinciale, si lasciano a piè del monte a destra i villaggi di Somaggia (m. 217 - Uff. Post. – latt. Soc. – coop. Agr. Di cons., famigl. Coop. Di cons. e agric.)
.”
Nel decennio successivo, fra i diversi elementi di novità, il più importante fu sicuramente l’elettrificazione delle frazioni del comune, che cambiò molti usi e consuetudini dei 2128 (nel 1931) abitanti del comune. Neppure il secondo conflitto mondiale mancò di avere conseguenze tragiche: vi persero la vita, complessivamente, 37 giovani. Sulle montagne di Samolaco, dopo l’8 settembre e la costituzione della Repubblica di Salò, si rifugiarono diverse formazioni partigiane, e gli alpeggi furono teatro di azioni di rastrellamento da parte delle forze repubblichine.
Vennero, infine la tanto sospirata pace e, dopo i primi anni difficili, il boom economico e, nonostante le situazioni chiaroscurali successive agli anni Settanta, un benessere sempre più diffuso, che portarono i 2355 abitanti del 1961 alla cifra di 2780 nel 1991, salita a 2860 nel 2006.

[torna all'indice di pagina]

La geografia. Il territorio comunale si stende su una superficie complessiva di 45,3 kmq, per buona parte compresa nell’angolo sud-occidentale della Valchiavenna. Il suo confine meridionale separa anche le province di Sondrio e di Como, e va dall’ultimo tratto della Mera prima del lago di Mezzola, ad est, fino al pizzo Motto Rotondo (m. 2452), ad ovest, passando per la valle della Porta, il monte Berlinghera (m. 1930), la bocchetta di Chiaro (m. 1666), il Sasso Canale (m. 2411), la bocchetta di Canale (m. 2220), la punta Anna Maria (m. 2387), il pizzo Ledù (m. 2502, massima elevazione del territorio comunale) e la bocchetta Cannone (m. 2260).
Dal Motto Rotondo il confine volge a nord, fino al monte Cucco (m. 2052), piegando, poi, a nord-est, tagliando la Val Garzelli (laterale della Val Bodengo), la cui parte alta rientra, quindi, in territorio di Samolaco. Puntando di nuovo a nord, il confine passa a valle dell’alpe Borlasca e raggiunge il torrente Boggia, in Val Bodengo, seguendolo per un tratto in direzione est. Restano comprese, dunque, nel territorio di Samolaco Sorboggia e Motta Surana. Se ne stacca, poi, volgendo a sud-est ed attraversando il corridoio compreso fra lo sperone della torre di Segname, ad est, ed il versante che scende verso nord-est dal monte Borlasca. Scende, quindi, al piano seguendo la Val dal Runchiasc e passando per la località di Cesura.
Attraversa, quindi, la Mera portandosi sul suo lato orientale, dove si ritaglia un’ampia porzione del piano, che comprende Somaggia. Raggiunge, infatti, il piede del versante retico e lo segue per un buon tratto, fino alla località di Riva, posta all’uscita di Novate Mezzola, verso nord. Proseguendo verso sud, taglia lo specchio d’acqua denominato Pozzo di Riva e raggiunge il punto di sbocco della Mera nel lago di Mezzola, dal quale questa panoramica ha preso le mosse.
In sintesi, nel territorio comunale rientra la quasi totalità della bassa piana della Mera dall’uscita da Novate Mezzola fino a San Cassiano (escluso), ad est, e da Vigazzuolo a S. Pietro, ad ovest, passando per Casenda ed Era. Comprende, poi, il versante delle alpi Lepontine che si affaccia sulla piana, dal monte Berlinghera al monte Borlasca, ma anche un ampio angolo della sezione sud-orientale della Val Bodengo.

[torna all'indice di pagina]

Le frazioni. Nell’opera citata “Raetia”, il Guler von Weineck così scrive delle frazioni che costituiscono la costellazione di Samolaco ad occidente della Mera: “Da Samolaco (antico), proseguendo in piano si incontra a breve distanza Vigazzuolo, poi Casenda e lì presso Era. Al di sopra di quest’ultimo villaggio, si scoprono sulla montagna i ruderi di una torre abitata un tempo dai Trivulzio, patrizi milanesi. Lì presso sorge la chiesa di S. Andrea e il tempio pagano di Venere, che venne eretto ancor prima del paganesimo, ma che oggi è deserto tutto. Più in alto, sopra la montagna, sorge il villaggio di Paiedo, da cui una strada mette a Sorico, nelle Tre Pievi”.
Se vogliamo visitare queste frazioni, lasciamo la statale 36 dello Spluga, percorsa da Nuova Olonio in direzione di Chiavenna, a Novate Mezzola: dopo l’indicazione della deviazione, sulla destra, per la Val Còdera, vedremo, sulla sinistra, una deviazione che scende subito ad un sottopasso ferroviario (indicazioni per Era, S. Pietro e Gordona). Imbocchiamo questa strada, e ci ritroviamo sulla strada provinciale “Trivulzia”, dedicata al già menzionato e benemerito al capitano Gian Giacomo Trivulzio, che percorre la bassa Valchiavenna fino a Chiavenna, mantenendosi, per un buon tratto, sul lato opposto della Mera, rispetto alla strada statale. Ignorata la deviazione a destra per Somaggia, attraversiamo la Mera sul Ponte Nave e, subito dopo il ponte, troviamo la deviazione a sinistra per Casenda e Vigazzuolo. Tornati alla Trivulzia, proseguiamo verso Era (1,5 km dal ponte), attuale centro amministrativo del comune, per raggiungere, infine, S. Pietro (m. 255, a poco più di 3 km e mezzo dal ponte).
Vediamo, ora, più da vicino questi nuclei. Casenda (m. 231), posta immediatamente a nord dello sbocco della valle omonima (che scende, stretta, fra il monte Berlinghera ed il Sasso Canale), è fra le più antiche frazioni di Samolaco (è citata già nel 1436) e mostra interessanti esempi di architettura rustica, con lobbie e balconate in legno. Da Casenda una strada consortile sale a Paiedo, di cui diremo.
Proseguendo sulla Trivulzia, raggiungiamo Era (éra, m. 213), centro geografico del comune e sede amministrativa fino al 1929 e, dopo la parentesi 1929-1946 (nella quale fu a S. Pietro), dal 1946 ad oggi. Essa è di origine antica (citata nel 1219 come “Léra”); vi troviamo la nuova chiesa dedicata a S. Andrea ed edificata fra il 1910 ed il 1911, nel luogo in cui, secondo una leggenda, S. Fedele subì il martirio.
Da Era sale una strada consortile che conduce a Paiedo. La strada passa per il colle di S. Andrea, dove si trova la chiesa omonima, già citata nel 1335. Secondo la tradizione, esisteva qui, intorno al 1000, un monastero. Nel Cinquecento Gian Giacomo Trivulzio vi fece edificare un castello, distrutto nel secolo successivo.
La strada conduce, infine, a Paiedo (paée, m. 886), la cui esistenza è attestata per la prima volta da documenti che risalgono alla seconda metà del XV secolo, e che fanno menzione di Pagieriis, Pegiedo e Palierio, ma la sua origine, come testimonierebbero alcune dimore costruite con la tecnica del “c(h)iàrdan”, ossia con pareti costituite da tronchi squadrati sovrapposti, risale probabilmente al 1100-1200. Il nome, secondo la tradizione, deriverebbe dalle paglie dei piccoli campi di segale, orzo, miglio e panìco nei pressi del nucleo abitato e che, unitamente alla coltivazione della patata, alla raccolta delle castagne ed alla pastorizia, chiudeva il circuito di un’economia per buona parte autosufficiente. La chiesetta di S. Francesco fu benedetta nel 1605 e rinnovata nel 1689, e contiene dipinti del pittore locale G. B. Macolino il vecchio. Lo spopolamento di Paiedo ebbe inizio sul finire dell’Ottocento, in concomitanza con la bonifica del piano. È interessante ricordare che da Paiedo partiva un’importante mulattiera (citata anche dal von Weineck, vedi sopra) che saliva alla bocchetta del Chiaro (m. 1666), per poi scendere a Sorico. La utilizzò anche, durante la guerra dei Trent’Anni, un grosso reparto di soldati delle Tre Leghe Grigie, nel tentativo, fallito, di prendere alle spalle gli Spagnoli.
Ridiscendiamo ad Era e proseguiamo verso nord: incontriamo Nogaredo (nugarè), che fu, dal 1866, sede dell’amministrazione comunale prima di Era, ed infine S. Pietro (san pèdar, m. 255), l’antica Selvapiana, che fu centro amministrativo dal 1929 al 1946. Vicino alla chiesa di S. Pietro, edificata nel 1697, si trova il caratteristico Culumbée, torretta di origine militare poi adibita ad abitazione, che risale probabilmente al secolo XII. La tradizione vuole che vi abbia soggiornato il celebre imperatore Federico Barbarossa, nel suo passaggio da Chiavenna, nel 1158 ed in occasione di successive discese nel milanese.
Portiamoci, ora, ad oriente della Mera. Qui è il nucleo di Somaggia (somàgia vègia, m. 208) ad imporsi alla nostra attenzione. Anch’esso è molto antico (è citato già nel 1213 come “Somugia”) ed era posto sulla strada che dal piccolo porto di Riva conduceva a Chiavenna. Il nucleo cominciò a svilupparsi rapidamente sul finire dell’Ottocento, grazie all’arginatura della Mera ed alla bonifica dei terreni circostanti (1880-1890). La parrocchia di Somaggia è assai recente (1920) e l’attuale chiesa dedicata al S. Cuore di Gesù venne edificata fra il 1940 ed il 1944.

[torna all'indice di pagina]

Bibliografia e sitografia

Crollalanza, G. B., “Storia del contado di Chiavenna”, Serafino Muggiani e comp., Milano, 1867

Buzzetti, Pietro, "La Pieve di S. Fedele ossia di Samolaco", in Corriere della Valtellina, 5, 12 giugno 1908

Buzzetti, Pietro, "Le origini del villaggio di Samolaco di Chiavenna ", in L'Ordine, Como, nn. 136, 137 e 139 del 1919

Buzzetti, Pietro, "Le chiese nel territorio della antica pieve di Samolaco", Como, Tip. Volta di Caccia e Corti, 1920

Clerici, Domenico, "La parrocchia di Somaggia", Como, 1933

Clerici, Domenico, "La parrocchia di Somaggia in Val Chiavenna", Como, Cavalieri, 1933

Anonimo, "Notizie chiavennasche del primo decennio del 1800" , con presentazione ed annotazioni di don Peppino Cerfoglia, in "Raccolta di studi storici sulla Valchiavenna", Sondrio, Tipografia Mevio Washington, 1960

Del Giorgio, Amleto, "Samolaco ieri e oggi", Chiavenna, 1965

Salice, Tarcisio, "Questioni di storia samolicana", (in “Clavenna”, 1985)

Del Giorgio, Amleto, "Una storia raccontata a Samolaco. La 'songia', le scarpe nere e la sera dei morti", in Valchiavenna, Chiavenna, nov. 1988

Salice, Tarcisio, " La pieve di Samolaco", (in “Clavenna”, 1989)

Del Giorgio, Amleto, "Certezze e ipotesi sull’antica Samolaco", in “Rassegna economica della provincia di Sondrio”, 1990

Del Giorgio Amleto, paggi Andrea (a cura di), "Inventario dei toponimi valtellinesi e valchiavennaschi - Territorio comunale di Samolaco", edito dalla Società Storica Valtellinese e del Centro di Studi Storici Valchiavennaschi nel 1996

"Il cavallo aveglinese di Samolaco", Commissione cultura del Comune di Samolaco, 1998

Gogna A., Recalcati A., "Mesolcina - Spluga - Monti dell'alto Lario" Milano, 1999, nella collana “Guida dei monti d’Italia” del CAI-TCI

Giorgetta Giovanni, Jacomella Enrico, "Valchiavenna - Itinerari storici", Lyasis edizioni, Sondrio, 2000

Classe V di San Pietro, "Furmenton", Gruppo Cultura Biblioteca Samolaco, 2001

Del Giorgio, Amleto, "Storie grosse di paese ambientate a Samolaco" (2002)

Scuffi, Sergio (a cura di), "Nü’n cuštümàva – Vocabolario dialettale di Samolaco", edito nel 2005 dall’Associazione Culturale Biblioteca di Samolaco e dall’Istituto di Dialettologia e di Etnografia Valtellinese e Valchiavennasca

Battistessa, Silvana, "Storia di un uomo chiamato Pipetta", Associazione culturale amici di Samolaco, Samolaco, 2006

Giovanetti, Daniele, "Le amministrazioni comunali di Samolaco dal 1945 al 2005", in "Al lavatoi", n. 8, gennaio 2006

Scuffi, Luca, "Alpeggi di Samolaco - Antichi regolamenti", Associazione culturale amici di Samolaco, Samolaco, 2007

Lisignoli, Guido, "Valchiavenna - Le più belle escursioni", Lyasis Edizioni, Sondrio, 2008

http://www.comune.samolaco.so.it/

http://web.tiscali.it/allavatoi/  

CARTA DEL TERRITORIO COMUNALE sulla base della Swisstopo, che ne detiene il Copyright. Ho aggiunto alla carta alcuni toponimi ed una traccia rossa continua (carrozzabili, piste) o puntinata (mulattiere, sentieri). Apri qui la carta on-line

ESCURSIONI E LEGGENDE


Copyright 2003-206: Massimo Dei Cas

Escursioni e camminate (consigli ed indicazioni; I miei canali su YouTube: paesi e campane, rifugi e vette, passi e poesie, poesie, musica)
Storia, tradizioni e leggende
Immagini, suoni e parole

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas Designed by David Kohout