CARTA DEL PERCORSO

Punti di partenza ed arrivo
Tempo necessario
Dislivello in altezza
in m.
Difficoltà (T=turistica, E=escursionistica, EE=per escursionisti esperti)
S. Rocco di Tirano-Roncaiola-Pradentia-Zarè-Pra' Campo-Baruffini-S. Rocco di Tirano
7 h
1220
E

Il versante montuoso a nord di Tirano è costituito dal lungo dosso e dalle falde che dalla cima del monte Ma succio (m. 2816) scendono verso sud. Su questo versante sono possibili numerose passeggiate ed escursioni, che possono essere, in buona parte, riassunte in un bell’anello che ha come punto di partenza ed arrivo la chiesetta di S. Rocco, nella parte nord-orientale della città.
Per raggiungerla, dobbiamo imboccare, alla rotonda nei pressi del Santuario della Madonna, la strada che si dirige verso il confine svizzero di Piattamala, lasciandola, dopo un breve tratto, per imboccare, sulla destra, la laterale via Valorosa. Oltrepassato l’incrocio con via Ràsica, raggiungiamo, così, via S. Rocco, che, percorsa per un breve tratto verso sinistra, ci porta alla chiesetta.
Da qui (m. 480) parte la lunga escursione. Troviamo alcuni cartelli, che ci segnalano che questo è anche il punto di partenza del Sentiero Italia, nella sezione che, da Tirano effettua una traversata alla Val Grosina, congiungendosi con l’Alta Via della Magnifica Terra. I cartelli segnalano alcune possibili mete raggiungibili partendo da qui: Roncaiola, data ad un’ora e 15 minuti, Nasen, data ad un’ora e venti minuti, il Sasso del Gallo, dato a 2 ore e 5 minuti, Prà Baruzzo, dato a 3 ore e 30 minuti, il lago di Schiazzera, dato a 6 ore e 30 minuti ed infine l’alpe ed il bivacco Salina, dati ad 8 ore e 30 minuti. Incamminiamoci, dunque, sulla stradina asfaltata che comincia a salire alla nostra sinistra, cioè verso nord-ovest. Al fondo in asfalto si sostituisce quello sterrato.
La pista termina bruscamente, poco sopra la località Ronco; prima, però, la dobbiamo lasciare, sulla sinistra, ad un tornante destrorso, seguendo i segnavia bianco-rossi che indicano la partenza di una mulattiera la quale, superata la località Ronco, prosegue, nel bosco, in direzione nord-ovest, fino ad intercettare, a quota 800 metri circa, un sentiero con andamento quasi pianeggiante che proviene da destra. Qui un nuovi cartelli chiariscono le possibilità di prosecuzione della camminata: prendendo a destra possiamo raggiungere in 30 minuti Roncaiola ed in un’ora e 15 mintui Baruffaci, mentre proseguendo a salire verso sinistra siamo in un’ora e 20 minuti a Sasso del Gallo ed in un’ora e 35 minuti a Nasen. Se, poi, vogliamo passare il confine, a 4 ore e 20 minuti dal bivio si trova lo xenodochio di San Romerio, in Valle di Poschiavo.
Proseguiamo verso destra: la mulattiera si fa sentiero, con una traccia più stretta, ma sempre buona. Attraversiamo un bel bosco di castagni, con qualche rudere solitario che consuma, in una solitudine rotta solo raramente da passi d’uomo, il proprio triste sprofondare nel grembo del tempo. Raggiungiamo, poi, un nuovo bivio, anche qui corredato di cartelli quanto mai opportuni, che segnalano la duplice possibilità di proseguire Roncaiola (data a 15 minuti) e Baruffini (dato ad un’ora), oppure per Nasen (data a 30 minuti), Refreggio (dato a 55 minuti) e Sasso del Gallo (dato ad un’ora e 25 minuti). Scegliamo la prima direttrice: dopo pochi minuti ci portiamo, così, alle prime case di Roncaiola (m. 802), presso le quali possiamo trovare anche una simpatica fontana.
Se ci fermiamo e volgiamo lo sguardo alle nostre spalle, potremo scorgere uno scorcio del versante settentrionale della Val Saiento, la prima laterale occidentale della Valle di Poschiavo. Qualche passo ancora, e siamo sul sagrato della secentesca chiesetta dedicata ai santi Stefano e Lucia. Da qui il panorama è davvero ampio, soprattutto in direzione della piana della media Valtellina, da Tirano fino a Teglio. Vale la pena di segnalare, per chi volesse raggiungere quest’amena località per una via più diretta, che ad essa sale una mulattiera che parte, segnalata, dalla strada Tirano-Baruffini (termine connesso con il verbo longobardo “rauffen”, cioè “azzuffarsi”), la quale, a sua volta, si raggiunge percorrendo via Andres, nella parte nord-orientale di Tirano. A Roncaiola, infine, si può salire anche in automobile: basta seguire la già citata strada per Baruffini, staccandosene ad uno svincolo, segnalato, sulla sinistra, posto ad un tornante destrorso (da Tirano a Roncaiola si calcolino circa 3,7 km). Nei pressi della chiesa troviamo la partenza della mulattiera sopra menzionata, che scende direttamente a Tirano.
Noi, invece, dobbiamo proseguire in direzione opposta, salendo per una ripida mulattiera che, nel primo tratto, corre più bassa rispetto al livello dei prati ed è circondata da muretti a secco. Al termine della salita, che effettuiamo, nell’ultimo tratto, all’ombra di una bella pineta, intercettiamo, poco sopra i 1000 metri, la pista sterrata che da Baruffini porta fino al Sasso del Gallo, dove, nei pressi del confine italo-svizzero, si trova l’edificio di un’ex-caserma della Guardia di Finanza. Anche qui, gli immancabili e graditissimi cartelli ci sono d’aiuto, e segnalano che scendendo verso destra siamo, in 20 minuti, a Baruffini, mentre salendo verso destra siamo, in 50 minuti, a Sasso del Gallo, dove la pista prosegue, entrando in territorio svizzero, e raggiungendo Viano (ad un’ora e trenta dal punto nel quale ci troviamo) e San Romerio (a 3 ore e 45 minuti). Le indicazioni relative al Sentiero Italia, che stiamo sempre percorrendo, riguardano, invece, le località di Pradentia, data ad un’ora e 30 minuti, e Pra’ Baruzzo, dato a 2 ore, oltre che il lago di Schiazzera, dato a 4 ore e 54 minuti.
Continuiamo salendo verso sinistra (direzione nord-ovest), fino a raggiungere il filo del dosso che scende verso sud-ovest dal monte Masuccio, e dove troviamo una cappelletta. Continuando a salire, ci troviamo circondati da un paesaggio sempre più desolato: a monte, infatti, il bosco mostra le evidenti ferite di un incendio. Ed è in questo scenario che troviamo un nuovo bivio: i cartelli chiariscono che proseguendo sulla pista ci dirigiamo verso Sasso del Gallo (già abbiamo intravisto dalla pista l’edificio giallo dell’ex-caserma della Guardia di Finanza), dato a mezzora, mentre percorrendo un sentiero che se ne stacca sulla destra siamo, in un’ora ed un quarto, a Pradentia. Scegliamo questa seconda possibilità e continuiamo a salire, nel cuore di un paesaggio desolato, ma, a suo modo, nelle giornate di sole, affascinante.
Intercettiamo, così, presso una formazione rocciosa rossastra, un sentiero che proviene da sinistra. Qui, aiutati dagli immancabili cartelli, prendiamo a destra, sempre per Pradentia, data a 45 minuti (prendendo, invece, a sinistra si scende a Sasso del Gallo). Entriamo, quindi, in una bella pineta, per uscire, finalmente, sul limite orientale dei prati di Pradentia, a 1500 metri circa. Qui, oltrepassate poche baite, troviamo una pista, che ci fa perdere, scendendo con qualche tornante, alcune decine di metri, prima di effettuare una breve traversata che ci porta a monte dei prati di Zarè (m. 1420), nel cuore di una splendida pineta. Prima di giungere ai prati, però, troviamo, sulla destra, la partenza, segnalata da un ennesimo cartello, della mulattiera che scende verso Baruffini: teniamola presente, perché ci servirà per il ritorno. Rimanendo sulla pista più alta, troviamo anche, a sinistra, la partenza, segnalata, di un sentiero per Pra’ Campo, che potrebbe essere la meta di questa lunga escursione.
A Pra’ Campo possiamo, peraltro, salire anche seguendo la comoda strada asfaltata nella quale la pista, dopo essere passata a monte di Zarè, confluisce. Sì, perché fin qui, ed addirittura fino a Pra’ Campo possiamo tranquillamente anche giungere in automobile, salendo lungo la strada Tirano-Baruffini e proseguendo fino a Pra’ Baruzzo. La salita da Tirano a Pra’ Campo, per chi la volesse effettuare in mountain-bike, è lunga complessivamente circa 10,5 km. Vale la pena di visitare Pra’ Campo anche perché qui si trova una seconda ex-caserma della Guardia di Finanza.
Se seguiamo la strada asfaltata, passiamo a monte dei prati più alti del bel maggengo di Pra’ Baruzzo (m. 1430) e dobbiamo ignorare la pista che se ne stacca, sulla destra, dirigendosi verso l’alpe Ghiaccia (data a 30 minuti di cammino): è la pista che debbono seguire, invece, coloro che proseguono lungo il Sentiero Italia (da noi fin qui percorso), che dall’alpe Ghiaccia effettua una traversata all’alpe Schiazzera (m. 2079), dove è stato recentemente aperto il rifugio omonimo, ricavato dalla ristrutturazione di una terza ex-caserma della Guardia di Finanza (il lettore avrà già capito da sé che una tale presenza di caserme si giustificava, in passato, in considerazione del fatto che si trattava di zone particolarmente battute dai contrabbandieri).
La strada asfaltata che sale a Pra’ Campo, invece, termina nella parte bassa dei prati di questo alpeggio, dove, a quota 1700, si trova la già citata ex-caserma. Un cartello ci informa, qui, che con altri 45 minuti di cammino ci possiamo portare al Pian Cavallino, incantevole pianoro posto, a circa 2000 metri, sul crinale che dalla cima del monte Masuccio scende verso sud-ovest, a cavallo fra il versante svizzero e quello italiano. Certamente se siamo saliti con l’automobile a Pra’ Campo non possiamo mancare di visitarlo. In caso contrario, le quattro ore di cammino necessarie per superare circa 1220 metri di dislivello in altezza possono consigliarci di accontentarci della meta di raggiunta e di intraprendere il cammino per il ritorno.
Ridiscesi a Pra’ Baruzzo, possiamo tornare a Tirano per altra via rispetto a quella di salita. Lasciamo la strada asfaltata imboccando la pista già percorsa (cartello per Zarè), fino a trovare, sulla nostra sinistra, il cartello che segnala la partenza della mulattiera per Baruffini. Scendiamo lungo questa, che nel primo tratto è assai ripida e passa vicino ad un grande corpo franoso. Tagliando in alcuni punti la strada asfaltata Baruffini - Pra’ Baruzzo, ci ritroviamo, alla fine, alla contrada alta di Baruffini, denominata Case alte. Qui il tempo sembra essersi fermato, ed i segni di un’antica civiltà contadina sono ancora ben visibili.
Dario Benetti, nell’articolo “Abitare la montagna.Tipologie abitative ed esempi di industria rurale”, (in AA.VV., “Sondrio e il suo territorio”, Silvana Editoriale, Milano, 1995), così tratteggia le caratteristiche delle dimore rurali di questo nucleo: "Ca' di Gavei in contrada Case Alte. Nella zona del Tiranese il versante solatìo di Baruffini, caratterizzato da un intenso sfruttamento agricolo, con terrazzamenti a vigneto e a seminativo e dalle contrade sparse, è quello che maggiormente lascia individuare le tipologie originarie della casa rurale. Le contrade sono costruite prevalentemente al centro delle aree coltivate con schiere di edifici contrapposte. Prevalentemente in pietra, le architetture più antiche spiccano per gli eleganti ballatoi e per i colori scuri delle facciate annerite dal fumo dei focolari. Al piano interrato si accede spesso dall'interno della cucina con una apertura a botola chiamata us-cèra; la cantina (involt) si utilizza per la conservazione del vino e dei prodotti dell'allevamento (salami, formaggi). La cucina (cüsina) è il vero centro della casa, con il fugulaa che affumica tutto, senza cappa (il fumo esce solo da una piccola finestrina, la bogiula). Sopra il focolare si mettevano le castagne ad essiccare e nella cucina faceva bella vista, frequentemente, il forno casalingo (füran). I piani superiori ospitavano le camere (stüe) dalle quali si poteva accedere al ballatoio (lolbia) in fondo al quale era collocato lo stüett, una caratteristica della casa di Baruffini che difficilmente si trova altrove con la medesima frequenza: si tratta del locale apposito per la conservazione del pane di segale che veniva collocato su delle rastrelliere. All'ultimo piano il sottotetto e la crapéna per l'essiccazione dei cereali. La crapéna si utilizzava anche per lavori agricoli, per esempio la battitura del grano saraceno con il correggiato (scèl)"
Torniamo al racconto dell'escursione. Dalla contrada scendiamo rapidamente alla chiesa di S. Pietro Martire (m. 792). Se vogliamo evitare di percorrere i 4 km circa della strada fino a Tirano, lasciamola non appena, scendendo lungo di essa, troviamo l’indicazione della vecchia mulattiera. Tornati a Tirano, seguiamo, infine, da piazza Marinoni il centrale viale Italia, fino al piazzale del Santuario della Madonna, dal quale imbocchiamo la strada per la Valle di Poschiavo, lasciandola per recuperare l’automobile, che ci attende da circa 7 ore, nella zona di San Rocco.

[Torna all'indice di pagina]

CARTA DEL PERCORSO sulla base della Swisstopo, che ne detiene il Copyright. Ho aggiunto alla carta alcuni toponimi ed una traccia rossa continua (carrozzabili, piste) o puntinata (mulattiere, sentieri). Apri qui la mappa on-line

[Torna ad inizio pagina]

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas La riproduzione della pagina o di sue parti è consentita previa indicazione della fonte e dell'autore (Massimo Dei Cas, www.paesidivaltellina.it)

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas Designed by David Kohout