CARTA DEL PERCORSO - ALTRI PERCORSI IN VAL MASINO

Il primo paese che si incontra, salendo in Val Masino, Cataeggio (cata(i)öc’, 787 m). L'abitato termina con la frazione di Filorera (felorèra, 841 m), dove si incontra anche la deviazione per la valle di Sasso Bisolo. Se, ignorata questa deviazione, si prosegue, si raggiunge la piana di Zocca, dove campeggia la Preda di Remenno, o Sasso Remenno (943 m).
Oltre la Preda di Remenno la strada, dalla quale sono ben visibili la cima del Cavalcorto e la
valle del Ferro, raggiunge San Martino (san martìn, 923 m). Da qui si può proseguire verso i Bagni di Masino, oppure imboccare (quando è permesso) la strada per la val di Mello.
Raggiunta San Martino, portiamoci, superando un ponte, sul lato destro (per noi) del torrente. Seguendo l'argine in cemento, si raggiunge, dopo pochi metri, l'imbocco di un sentiero che si addentra sul lato meridionale (di destra, per noi) della val di Mello.
Ben presto, se si fa attenzione, si vede una deviazione a destra, che sale gradualmente nella boscaglia. Il sentiero (senté dè narchènz) si fa poi più evidente e guadagna quota, con alcuni tornanti, in una bella pecceta di abeti bianchi, chiamata con termine dialettale "abièz". 
Il sentiero, all'inizio promettente, riserva però una delusione: uscito dalla pineta, sembra perdersi su un terreno segnato da una grande massa franosa. Se però si risale il corpo franoso e, alla sua sommità, ci si sposta verso destra, si ritrova una traccia evidente, che prosegue, con qualche bello scorcio panoramico sulla valle del Ferro, superando una fascia di rocce nei boschi.
Bisogna comunque prestare un'attenzione costante: in diversi punti il sentiero può essere perso in un dedalo di false tracce.
 E' dunque consigliabile farsi guidare, per questa escursione, da persone esperte dei luoghi. È, inoltre, bene memorizzare i passaggi meno evidenti, lasciando anche tracce preziose per il ritorno. Ignorata una deviazione sulla destra, si affronta l'ultimo tratto, che è il più insidioso, perché la traccia si fa molto labile.

Risalito un fianco erboso a destra di un dosso, si raggiungono, dopo una breve traversata a sinistra, le due baite poste a quota 1727, su un piccolo terrazzo dal quale si può godere lo spettacolo della testata della valle del Ferro e, alla sua sinistra, della cima del Cavalcorto. Si tratta di due baite poste, più o meno, a metà strada fra gli alpeggi di Arcanzolo (narcanzö) ed Arcanzo (narchènz). La baita più piccola è ancora in discrete condizioni, mentre quella più grande è ridotta a ben poco. Sulla destra delle baite, stando alle carte, parte un sentiero che dovrebbe salire per un breve tratto e biforcarsi in due tracciati, l'uno che scende verso destra ad Arcanzo e l'altro che compie una traversata a sinistra verso Arcanzolo.
In ogni caso, si devono evitare "fuori-sentiero": la natura dei luoghi non li permette, in quanto discese a vista con tutta probabilità condurrebbero sull'orlo di precipizi senza sbocco. E', questa, una montagna severa, che non tollera improvvisazioni e che, quindi, va affrontata con il massimo rispetto.

 

CARTA DEL PERCORSO sulla base della Swisstopo (CNS), che ne detiene il Copyright. Ho aggiunto alla carta alcuni toponimi ed una traccia rossa continua (carrozzabili, piste) o puntinata (mulattiere, sentieri). Apri qui la carta on-line.


1. Novate-Brasca 2. Brasca-Gianetti 2bis. Omio-Gianetti 3. Gianetti-Allievi 4. Allievi-Ponti
5. Ponti-Chiesa Valmalenco

GALLERIA DI IMMAGINI

CARTA DEL TERRITORIO COMUNALE sulla base della Swisstopo (CNS), che ne detiene il Copyright. Ho aggiunto alla carta alcuni toponimi ed una traccia rossa continua (carrozzabili, piste) o puntinata (mulattiere, sentieri).
Apri qui la carta on-line.
CLICCA SUL SETTORE CHE TI INTERESSA PER APRIRE LE RELAZIONI ESCURSIONISTICHE

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas La riproduzione della pagina o di sue parti è consentita previa indicazione della fonte e dell'autore (Massimo Dei Cas, www.paesidivaltellina.it)

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas Designed by David Kohout